Pubblicato il 24 gennaio 2017 | di Luca Farruggio

II edizione per la silloge poetica GESU’AL BAR

E’ uscita la seconda edizione del mio libro GESU’ AL BAR (& My Book). La silloge poetica si può ordinare in tutte le librerie o acquistare online nei vari store.

Il libro era stato pubblicato nel 2010 e aveva vinto il secondo premio della VII edizione del Concorso Nazionale PREMIO POESIA NATALE (Tremestieri Etneo) con la seguente motivazione: “Come sostiene Massimo Cacciari  “Il Cristo non è immagine del Padre, il Padre mostra sé in lui; né è soltanto corpo celeste, ma mostra sé nel corpo mortale”. Sulla base di questo assunto, in dimensione di riflessione filosofica, su tono discorsivo intimistico e suadente, si snodano i versi della silloge di Luca Farruggio che illustra “figure”, “catabasi”, “l’amore”, a dimostrare nella sua tesi, come “l’esistenza consista nel trovare uno stile di vita e una visione del mondo capaci di sopportare il dolore e la sofferenza, laddove l’esserci sia dono misterioso in vista del Regno futuro”.

In questa II edizione della silloge poetica compare una nuova copertina a cura del pittore di Cesare Di Narda, ed è stata inserita, come prefazione, la recensione che Carmelo Arezzo scrisse nel 2010 e che fu pubblicata sul giornale LA SICILIA: “Nel tempo intorbidito della contemporanea quotidianità, la frequentazione dei percorsi ovattati della poesia appare sempre più irrimediabilmente periferica, quasi una sorta di riserva indiana nella quale provare a collocare il passaggio, a volte incauto, sempre affascinante, tra la metafisica e l’ossessione della realtà. Ci prova con sapienza e con autentica spietata lettura di se stesso, in questa preziosa breve silloge poetica, «Gesù al bar» (& MyBook – 2010) il giovane Luca Farruggio, filosofo, laureato al San Raffaele di Milano, dove si sta specializzando in filosofia della storia, e che ha già al suo attivo un’altra raccolta poetica, «Bugie estatiche», ed un intrigante prova di narrativa, «La scomparsa di Colmapotra». E ci prova con lucida maturità, nonostante la giovane età (Luca Farruggio è nato a Catania nel 1984), chiamando a raccolta i suoi maestri, da Massimo Cacciari a Manlio Sgalambro, al preziosissimo Tommaso Landolfi, e procedendo in una direzione che costringe il lettore a rivedere la propria dimensione esistenziale. Affolla la prima parte di figure, e scarnifica i volti ed i gesti di un irrinunciabile Francesco d’Assisi, si aggancia timoroso alla grandezza incantata di Alda Merini, rievoca la grande letteratura, si spezza davanti alla fragilità del dimenticato, dell’esule, dell’anonimo viandante, perché nella logica imperante del consumismo e del diktat mercificante anche i nuovi dialoghi tra Gesù e Pilato e Giuda e il mondo trovano la apparente banalità brutalizzata di un bar rumoroso e di un silenzio assordante. Poi è il tempo del vuoto e della riscattante catabasi, verso la luce e oltre il buio, ma con la consapevolezza di antologizzare e schedare i sogni e le illusioni, i silenzi e le rinunce, la dimensione onirica del mistero accanto alla certezza della redenzione. In questo spazio che è racchiuso tra un prima ed un dopo ed è il presente irrisolvibile, Farruggio è in spietata autoanalisi, ma si fa testimone ed apostolo di una nuova speranza. Quella stessa che subito dopo, nella terza conclusiva parte del libro, lo conduce verso gli amori, verso la intensità della relazione umana, verso la ricchezza del sorriso e del provare a capirsi, dove è più importante a volte la parola che l’essere compresi, perché «mi hai lasciato il pensiero/ che solo il sogno è reale,/ ma mi hai donato pure / il bisogno di amare…».
E quando il poeta rilancia l’appuntamento della vita al prossimo dolore, è intensa la lancinante ferita dello scoraggiamento, ma è anche superata la dimensione dell’irrisolto, perché il bar della quotidianità si affollerà dei tanti Gesù di una convinta resurrezione.

Nel video, l’attore Giovanni Arezzo legge una delle poesie contenute nel libro.

Tags: poesia, luca farruggio


Autore

Luca Farruggio

Luca Farruggio

(Catania 1984). Dopo aver conseguito la maturità classica nel 2003 a Ragusa, e aver vinto il primo premio Nicholas Green nella stessa provincia, si è laureato in Filosofia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano nel 2007, con una tesi sull’utopia scientifica. Qui ha seguito con interesse i corsi di Massimo Cacciari, Emanuele Severino, Giovanni Reale ed Enzo Bianchi. Nel 2006 ha esordito nel mondo della poesia con BUGIE ESTATICHE (prefazione di Manlio Sgalambro e postfazione di Enzo Bianchi) e nel mondo della letteratura con LA SCOMPARSA DI COLMAPOTRA. Nel 2010 ha pubblicato una raccolta di poesie GESU’ AL BAR, vincendo la Targa Antonio Corsaro del Premio Natale Città di Tremestieri Etneo. Nel 2011 è uscita la raccolta A CUORE PURO, in cui l’autore mostra la sua vicinanza al monachesimo di Bose. Sempre nel 2011 consegue la laurea specialistica in Filosofia della Storia al San Raffaele di Milano con una tesi sulla teologia bizantina. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo saggio: L’ESICASMO E LA DIFESA DI GREGORIO PALAMAS. Nel Febbraio 2016 è uscita la sua quarta silloge poetica: DELLA LUCE NON CONOSCO IL MISTERO E LA VITA DEL POETA. Nel 2016 ha conseguito il Master di II livello in Didattica della Lingua Italiana presso l’Università Tor Vergata Roma. Nel 2017 è uscito DEL PESSIMISMO TEOLOGICO, un dialogo tra un teologo, un filosofo e un poeta.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑