Cultura

Pubblicato il 14 aprile 2017 | di Redazione

0

L’arte di strappare sorrisi con il “Teatro in famiglia”

La nostra è una società dove si parla tanto di regalare un sorriso a chi ne ha bisogno, di trasmettere valori, di dare al nostro prossimo momenti di sana serenità ed è per questo che la compagnia teatrale “Teatro in Famiglia”, nata all’interno della parrocchia San Giuseppe Artigiano di Ragusa, fa teatro per passione: una passione messa al servizio dei più bisognosi, dei più deboli. Le commedie portate in scena trasmettono messaggi positivi e i proventi raccolti sono destinati in beneficenza. Non ultima la commedia inedita messa in scena il 18 e 19 marzo al teatro “Don Bosco” dei salesiani: “Non è mai troppo tardi” scritta da Emanuele Pluchino per la regia di Germano Martorana.

Le due serate hanno registrato il teatro pieno, regalando al pubblico presente due ore di grande coinvolgimento. La commedia, dal sapore vagamente romanzato, fa ridere all’interno di una storia drammatica e sentimentale, con finale a sorpresa.

«L’applauso finale, particolarmente intenso e spontaneo, ci ha dato la consapevolezza – ha detto al termine Emanuele Pluchino – che il pubblico ha capito e accettato una commedia diversa, ovvero “la storia” che diventa commedia. Se a queste belle parole, aggiungiamo che il ricavato delle serate è andato in beneficenza all’associazione “Raggio di Sole” che assiste i bambini autistici,  il grazie diventa immenso anche da parte di tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita delle serate, i quali possono ritenersi felici e appagati dei sacrifici sostenuti in questi mesi di prove. Un grazie particolare al pubblico che ci segue da sempre e fa del volontariato e della beneficenza un vessillo da tenere sempre alto».

La commedia sarà replicata il 22 e 23 aprile al teatro comunale Quasimodo (prevendita presso l’agenzia Hereatours di via Risorgimento).

Tags: San Giuseppe Artigiano, teatro comunale Quasimodo


Autore

Redazione

Redazione

“Insieme” esce col n° 0 l’8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la “casa di formazione” per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑