Attualità

Pubblicato il 19 aprile 2017 | di Luca Farruggio

0

“Costruiamo saperi” incontra gli studenti del “Vico – Umberto I – Gagliardi”

Continuano gli incontri e le conferenze rivolte agli studenti per far conoscere il progetto della Diocesi di Ragusa, “Costruiamo saperi”.

A raccontare il progetto agli studenti dell’I.I.S. “G.B. Vico – Umberto I – R. Gagliardi” sono stati Domenico Leggio, Jenny Campagnolo e Adriana Cannizzaro (per la Caritas), Elisa Gulino (di Architetti senza frontiere), Gianni Gulino ed Emanuele Lo Presti (di Confcooperative Sicilia) e Fethia Bouhajeb (di Uniti senza frontiere). Sono stati momenti importanti per discutere di immigrazione, integrazione e multiculturalismo.

“Costruiamo saperi” coinvolge in un’esperienza di formazione-lavoro 25 cittadini stranieri residenti nel territorio di Ragusa, per un processo di accompagnamento all’autoimprenditorialità (nei settori dell’edilizia, dell’agricoltura e della falegnameria). Il progetto ha ricevuto anche un importante riconoscimento dal Servizio per la Promozione del Sostegno Economico alla Chiesa. Per questo motivo, a partire dal 22 Aprile, andrà in onda su tutti i canali televisivi nazionali uno spot televisivo che racconta il progetto e le storie dei suoi protagonisti.

Proprio per voler raccontare gli aspetti positivi dell’immigrazione – che “Costruiamo saperi” sta testimoniando quotidianamente – è stato bandito un concorso rivolto sia agli studenti delle Scuole Superiori di I grado, sia agli studenti delle Scuole Superiori di II grado. Tramite foto, selfie e video (singoli e di gruppo), gli studenti possono divertirsi a narrare in maniera originale il nostro tempo e le sue sfide. Il bando, “Rinascere in una nuova terra”, è stato illustrato agli studenti da alcuni componenti dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Ragusa.

Tags: costruiamo saperi, studenti, scuole, rinascere in una nuova terra


Autore

Luca Farruggio

Luca Farruggio

(Catania 1984). Dopo aver conseguito la maturità classica nel 2003 a Ragusa, e aver vinto il primo premio Nicholas Green nella stessa provincia, si è laureato in Filosofia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano nel 2007, con una tesi sull’utopia scientifica. Qui ha seguito con interesse i corsi di Massimo Cacciari, Emanuele Severino, Giovanni Reale ed Enzo Bianchi. Nel 2006 ha esordito nel mondo della poesia con BUGIE ESTATICHE (prefazione di Manlio Sgalambro e postfazione di Enzo Bianchi) e nel mondo della letteratura con LA SCOMPARSA DI COLMAPOTRA. Nel 2010 ha pubblicato una raccolta di poesie GESU’ AL BAR, vincendo la Targa Antonio Corsaro del Premio Natale Città di Tremestieri Etneo. Nel 2011 è uscita la raccolta A CUORE PURO, in cui l’autore mostra la sua vicinanza al monachesimo di Bose. Sempre nel 2011 consegue la laurea specialistica in Filosofia della Storia al San Raffaele di Milano con una tesi sulla teologia bizantina. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo saggio: L’ESICASMO E LA DIFESA DI GREGORIO PALAMAS. Nel Febbraio 2016 è uscita la sua quarta silloge poetica: DELLA LUCE NON CONOSCO IL MISTERO E LA VITA DEL POETA. Nel 2016 ha conseguito il Master di II livello in Didattica della Lingua Italiana presso l’Università Tor Vergata Roma. Nel 2017 è uscito DEL PESSIMISMO TEOLOGICO, un dialogo tra un teologo, un filosofo e un poeta.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑