Società muos

Pubblicato il 3 Gennaio 2014 | di Redazione

MUOS o non MUOS? Questo è il problema!

Si parla sempre più spesso di MUOS e di movimenti NO MUOS anche in Provincia di Ragusa. Insieme propone ai suoi lettori alcune informazioni utili a capire di cosa si parla, lasciando ai lettori la “corresponsabilità” di approfondire e di agire secondo l’antico primato del bene comune. Il peccato di omissione non sarebbe facilmente perdonabile!

 

QUALCHE NOTIZIA (VERA) SUL MUOS

Cos’è il MUOS

Il Muos è un apparato militare ad uso esclusivo delle forze armate USA (e non della NATO come molti vorrebbero far credere).

Il sistema permette, grazie a 4 stazioni terrestri e 5 satelliti, il controllo e la trasmissione dati sull’intero globo terrestre.

Il MUOS è un’arma. I micidiali droni, gli infallibili aerei senza pilota (e senza coscienza), saranno telecomandati in ogni angolo del mondo proprio grazie al MUOS.

 

Cosa c’entra il MUOS col nostro territorio

Una delle 4 stazioni terrestri MUOS sarà collocata nella Sicilia Sud-orientale, a Niscemi per l’esattezza, all’interno di un sito naturalistico SIC (sito di interesse comunitario) che già dal 1991 ospita la stazione radio NRTF.

Quì, da oltre vent’anni, sono in funzione circa 46 antenne che trasmettono 24 ore su 24 i loro segnali a migliaia di chilometri di distanza.

L’azione di queste antenne ha effetti dannosi oltre che sull’ambiente, anche sull’essere umano: insorgenza di tumori, infertilità, malformazioni, leucemie, mutazioni genetiche.

Il MUOS, una volta completato, aggiungerebbe la sua azione a quella delle già pericolose antenne NRTF. I lavori di costruzione del MUOS, effettuati senza le necessarie autorizzazioni e con la palese collaborazione di imprese non in grado di ottenere il certificato antimafia, sono quasi al termine. Già nel 2015 potrebbe entrare in funzione.

 

Perchè la stazione MUOS di Niscemi è così pericolosa

A differenza delle parabole delle altre 3 stazioni terrestri, quelle di Niscemi non saranno puntate verso l’alto, ma all’orizzonte. Lambiranno le nostre città, ed in particolare quelle della Sicilia Sud-orientale.

Saremo tutti irradiati, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, da questi segnali di quasi 3.000.000 di Watt che ci attraverseranno, incidendo sui nostri organi e sui nostri tessuti. Le onde non faranno distinzione tra adulti e bambini, sani e malati, umani e animali.

 

Altro motivo di grande preoccupazione è la certezza che quando sarà in funzione il MUOS le stazioni terrestri (compresa quella di Niscemi) saranno il primo obiettivo di ogni nemico degli USA.

 

Tags:


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



4 Responses to MUOS o non MUOS? Questo è il problema!

  1. Avatar giovanni says:

    Commentare mi riesce difficile, causa la mia incompetenza in materia. Ma notizie come queste mi procurano sgomento e smarrimento. Si può arrivare a tanto ? Utilizzare un territorio, sottoporlo a un simile scippo …. condannarlo ad anni di assoluto degrado della salute ……

    • Avatar Emanuele says:

      Purtroppo si arriva a tanto. E la cosa triste è che lo si faccia con la complicità di chi dovrebbe tutelarci e difenderci.

  2. Avatar Fabiodalex says:

    Grazie Emanuele, Come sempre chiaro e conciso! Saluti da NIscemi

  3. Avatar Emanuele Cavarra says:

    Grazie a te Fabio. In effetti è stata pubblicata solo una sintesi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR