Cultura Elogio del riposo

Pubblicato il 6 Gennaio 2014 | di Andrea G.G. Parasiliti

Elogio del riposo

Andai in Sinagoga a settembre. Andai per ascoltare il rabbino capo della Comunità Ebraica di Milano, Alfonso Arbib di Tripoli. E andai perché parlava dello Shabbat, del tempo del riposo, della cessazione dell’attività. Diceva il rabbino che ci sono due Torah. C’è l’insegnamento della Torah scritta che compone i primi cinque libri della Bibbia ebraica e c’è l’insegnamento della Torah orale che non ha definizione. In questa c’è una parola, Shavat, radice di Shabbat, che significa smettere di fare qualcosa. E questo perché a un certo punto Dio smette di creare, benedice il settimo giorno e lo santifica.

Dice il rabbino che all’interno dei 10 comandamenti, lo Shabbat è il quarto. Le versioni sono due: 1) ricorda il sabato per santificarlo (zachor); 2) osserva il sabato per santificarlo (shamor).

Dice il rabbino che ricordare e osservare sono due aspetti fondamentali del sabato. Si ricorda con la cerimonia del Kiddush, al tramonto di venerdì, prendendo un bicchiere di vino e santificando il giorno appena iniziato. Si osserva astenendosi dal compiere 39 opere vietate e che consistono in tutto ciò che ha a che fare con l’attività di Melachan. Melachan si riferisce al tipo di lavoro creativo o che esercita controllo o dominio sul proprio ambiente. Melachan è l’opera di creazione dell’universo, il lavoro di Dio, fatto di Parola.

Dice Arbib di Tripoli che la creazione senza lo Shabbat è come un baldacchino nuziale senza sposa, come un anello senza sigillo.

Vuoto è il letto, anonimo l’anello.

Secondo la tradizione ebraica, infatti, tre sono i momenti della creazione del mondo:

  1. Dio crea dal nulla;
  2. Dio plasma la materia informe per sei giorni, fin quando non gli dà forma;
  3. Dio si nasconde e da questo momento il mondo ha la forza per andarsene per conto proprio.

Vi è un rischio, certamente, ed è quello della scomparsa di Dio.

Ma la parola “mondo”, dice il rabbino, si dice alam, e in ebraico vuol dire “nascosto”. E allora lo Shabbat è un tentativo di istaurare un rapporto con il Dio nascosto. In che modo? Smettendo di creare, di fare.

Tags: , ,


Autore

Andrea G.G. Parasiliti

(Ragusa, 1988). Laureato in Filologia Moderna all'Università Cattolica di Milano è dottorando di ricerca all’Università degli Studi di Catania. Collaboratore del Centro di Ricerca Europeo Libro Editoria Biblioteca della Cattolica di Milano (CRELEB) è autore di "Dalla parte del lettore: Diceria dell'untore fra esegesi e ebook", Baglieri 2012; "La Totalità della Parola: origini e prospettive culturali del libro digitale", Baglieri 2014; Ha tradotto per il CRELEB le "Nuove Osservazioni sulle Attività Scrittorie del Vicino Oriente Antico" di Scott B. Noegel (Milano, 2014). Ha pubblicato un racconto dal titolo "Odisseo", all'interno della silloge su letteratura e disabilità "La mia storia ti appartiene" Edizioni progetto cultura (Roma 2014). Giornalista pubblicista, collabora con Torquemada (Milano), Emergenze (Perugia), Operaincerta (Modica), e con "Insieme" dal gennaio del 2010.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR