Approfondimenti

Pubblicato il 5 Marzo 2014 | di Lettera in Redazione

A proposito di unioni civili

Pubblichiamo una riflessione trasmessaci da Giorgio Massari, cattolico ragusano impegnato in politica, e intitolata “Comunicato sul registro comunale sulle unioni civili. Il difficile mestiere di un aspirante cristiano impegnato in politica”. Al riguardo, la redazione non assume una posizione specifica, ma lascia spazio al confronto pubblico, impegnandosi a dare analoga opportunità a chiunque volesse intervenire sull’argomento.

 

Il dibattito sul regolamento per l’istituzione del registro delle unioni civili svoltosi dentro il consiglio comunale e sui media della nostra città, è stato scontato , schematico ed ideologico; incapace di attivare un confronto aperto e coraggioso in aula e in città; inadeguato a produrre un atto che mostrasse almeno lo sforzo della ricerca  del bene comune,  che fosse utile alla maturazione di valori condivisi e aiutasse la comunità locale ragusana nel camminino faticoso ma necessario di elaborazione di un  discorso  pubblico condiviso. Si è  voluto piantare una bandierina  ideologica e politica e dire che l’amministrazione Piccitto ha fatto qualcosa.

Questo spiega la fretta con cui si è voluto andare al dibattito in aula pur in presenza di una richiesta sostenuta da oltre 500 cittadini, che chiedeva la sospensione della discussione in consiglio per favorire un più ampio dibattito in città; richiesta che non solo non ha avuto alcuna benevola accoglienza,ma da qualche consigliere di maggioranza è stata bollata come strumentale perché finalizzata solo a bloccare il processo deliberativo e squalificata come frutto della sollecitazione di qualche consigliere di opposizione.

Ma se la polemica e il travisamento della verità è comprensibile  in alcuni soggetti presi dalla foga politica, non lo è in giornalisti, che de ontologicamente dovrebbero ricercare la verità dei fatti e che invece hanno definito la suddetta istanza, un documento dell’opposizione, offendendo la dignità di tutti quelle persone che hanno firmato nella libertà e nell’autonomia di cittadini responsabili espressione di una società civile che si autorganizza e preoccupati del bene comune.

Il dibattito in aula, fra l’altro, nascondeva tra le pieghe  un pregiudizio  culturale quando tra le varie argomentazioni addotte da alcuni consiglieri  a sostegno della delibera, si è sentito il bisogno di sottolineare con enfasi da guardiani della laicità che il Comune è una istituzione laica, lasciando capire che atteggiamenti critici rispetto al registro delle unioni civili potevano essere letti come imposizione di istanze religiose al resto dei cittadini; e quando  si è assisto alla torrentizia citazione di vescovi e papi per ricordare una certa apertura rispetto alla questione delle unioni civili da parte della Chiesa; una sorta di avvertimento ai “clericali” presenti nel consiglio o in città, come dire: voi che decidete secondo le indicazioni del  Papa, del vescovo, del parroco ed del sagrestano cercate di essere consequenziali questa volta.

Ho dovuto spiegare che da (aspirante) cristiano impegnato in politica ho imparato  che si possono sostenere le proprie tesi,  originate dalla fede o da qualsiasi altra visione del mondo e della vita, solo attraverso gli argomenti  della ragione pubblica e del  linguaggio antropologico e nel quadro del patriottismo costituzionale come direbbe Habermas, dentro la cultura della laicità della politica che da Sturzo al Concilio esalta l’ autonomia delle cose temporali nelle quali il laico cattolico gioca la sua libertà e la sua responsabilità.

Ma ho dovuto anche ribadire che la realtà della famiglia non appartiene all’ordine trascendente della fede, ma a quello immanente dell’esperienza umana in quanto tale, che nella fede trova il proprio coronamento, ma non la propria condizione di possibilità. L’istituzione famiglia è propria di ogni tempo , di ogni cultura , di ogni nazione.

La mia contrarietà all’atto è legata alla  logica che  lo coinvolge: l’acritica assimilazione delle unioni di fatto  alla famiglia fondata sul matrimonio come definita degli articoli 29,30 e 31 della nostra costituzione. L’atto come è stato strutturato , crea una oggettiva confusione tra due realtà diverse e da tutelare in ogni caso in modo diverso.

Infatti nella nostra costituzione democratica , laica  ed antifascista, la famiglia  come società naturale assume  uno status differenziato rispetto a ogni altra formazione sociale. Il favor che la costituzione riconosce alla famiglia  è dovuto al fatto che essa svolge una funzione pubblica essenziale che è quella di generare , accudire, sostenere, educare e socializzare le generazioni future; è la famiglia che genera il futuro.

Era possibile e doveroso  distinguere, proprio in un atto regolamentare,  tra famiglia e unioni civili, rispettando  la dignità di entrambe le realtà, come ha chiaramente indicato una giurisprudenza consolidata della corte costituzionale e come è stato ribadito nella sentenza n. 8 del 1994 redatta da un grande giurista laico come Gustavo Zagrebelski : “ tenendo distinta l’una  dall’altra forma  di vita comune, si rende possibile riconoscere ad  entrambe la loro propria specifica dignità  e non si innesca alcuna impropria rincorsa verso la disciplina del matrimonio da parte di coloro che abbiano scelto di convivere.”

Questo regolamento ha scelto la confusione laddove all’art. 2  ha stabilito “ gli atti dell’amministrazione devono …assicurare alle coppie unite civilmente le medesime condizioni riconosciute dall’ordinamento alle coppie sposate”, e non rispettando le differenze e non accogliendo le diversità produrrà effetti  non corrispondenti  ai principi di uguaglianza e sussidiarietà  voluti dalla nostra costituzione.

massari

Giorgio Massari

 

 

Tags: ,




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR