Attualità

Pubblicato il 16 Novembre 2015 | di Silvio Biazzo

Ruben Micieli talento ibleo sul podio del Premio Venezia

Sempre più in alto, parafrasando il modus dicendi di un notissimo personaggio tv scomparso qualche anni addietro: e tale affermazione si calza a pennello nei confronti del giovanissimo talento ibleo Ruben Micieli onore e vanto della musica concertistica della nostra terra, un vero mago del pianoforte. E questa volta si è affermato in uno dei più prestigiosi teatri di tutto il mondo: al Teatro La Fenice di imagesVenezia infatti è stato lui – bravissimo e talentuoso pianista diciottenne Ruben Micieli, nato a Ragusa e residente a Comiso – a conquistare il podio con un meritatissimo terzo posto nazionale.
Già reduce dalla vittoria di alcuni importanti concorsi internazionali in Spagna, Portogallo e Francia, il giovane ha partecipato alla trentaduesima edizione del “Premio Venezia”, il più importante concorso pianistico nazionale, la cui finalissima si è tenuta sabato scorso nel prestigioso e famoso teatro della città delle gondole. Il “Premio Venezia”, organizzato dalla Fondazione Amici della Fenice di Venezia, vede concorrere tutti i laureati in pianoforte con il massimo dei voti di tutte le Università e conservatori d’Italia, trasformando il premio in una sorta di gara nazionale fra i pianisti di tutte le regioni.
Micieli, allievo del maestro Giovanni Cultrera presso l’Università musicale “Bellini” AFAM di Catania, si è esibito dinnanzi ad una qualificata giuria di esperti presieduta dal maestro Mazzonis, direttore artistico della Fenice e già direttore artistico della Scala e composta da altri insigni direttori artistici di enti lirici italiani e concertisti pianisti. Il giovane ma bravissimo pianista ibleo ha superato in otto giorni diverse selezioni, sorpassando circa un centinaio di concorrenti. Alla semifinale di sabato scorso Ruben è arrivato fra i cinque migliori pianisti d’Italia interpretando magistralmente la celeberrima Sonata di Chopin n. 2 op. 35 e lo studio trascendentale di Liszt ‘Caccia Selvaggia’ per poi conquistare in serata il podio con il terzo posto nazionale. Ruben ha eseguito al pianoforte anche il Notturno in fa diesis maggiore op. 15 n.2 di Fryderyk Chopin e la Sonata n. 6 in la maggiore op. 82 di Prokofiev, dimostrando doti musicali non indifferenti. Del resto il pianista ibleo aveva tutte le carte in regola per concorrere considerato che nel giugno 2014, a soli diciassette anni, sotto la guida del maestro Cultrera ha conseguito la laurea in pianoforte in “Discipline Musicali – Pianoforte” con il massimo dei voti, la lode e la segnalazione per una produzione discografica. Per il terzo classificato del “Premio Venezia”, la giuria ha messo in palio vari premi come la targa del Comune di Venezia, la targa della Fondazione Teatro La Fenice, e premi per oltre 20000 euro.
Grandi lodi per il giovane pianista che per la prima volta scrive il nome di Ragusa nell’albo d’oro di questo importantissimo concorso. Ruben Micieli può essere considerato a tutti gli effetti un enfant prodige. Ha cominciato l’attività concertistica all’età di 13 anni ricevendo sempre grandi consensi dal pubblico e dalla critica. Ha partecipato a varie rassegne musicali ed a numerosi concorsi nazionali e internazionali conseguendo sempre il primo premio o il primo premio assoluto. Un lungo curriculum già costellato di successi e partecipazioni di riguardo tra cui Ibla Classica International dove nell’agosto 2012 ha ricevuto il Premio “Eccellenze Musicali Iblee 2012”. Ad aprile 2013 e 2014 ha ricevuto invito e borsa di studio per frequentare la Summer Academy con il maestro Aquiles Delle Vigne presso Mozarteum University of Salzburg (Austria) nell’agosto 2013 e nel luglio 2014 ed è stato selezionato per esibirsi nella prestigiosa Sala Solitar del Mozarteum. A giugno 2014 ha partecipato al Concorso Internazionale Maria Giubilei di Sansepolcro (AR) vincendo 3 borse di studio per le master all’estero: borsa di studio per frequentare la Summer Academy presso la University of Salzburg nel luglio 2014, Premio per la migliore interpretazione di un pezzo romantico e una borsa studio consistente in viaggio , alloggio e recital presso l’Accademia di Coimbra in Portogallo. Nel 2014 ha debuttato in concerto presso il Teatro Académico De Gil Vincente di Coimbra e a dicembre a Lisbona presso il Museu Do Combatente nell’ ambito del terzo ciclo internazionale di piano. Ancora presso l’Accademia Internacional de Musica “Aquiles Delle Vigne” a Coimbra (Portogallo) e ha inoltre eseguito il monumentale concerto per pianoforte e orchestra di Cajkovskij presso lo storico Auditorium Victor Villegas con l’orquesta sinfònica de la Region de Murcia (Spagna) e presso l’Auditorium Figueira Da Foz con l’Orquesta sinfonica Filarmonia das Beiras. Micieli spesso è ospite di Ragusa Ibla e della rassegna Ibla Classica International dove si è esibito ottenendo il grande consenso da parte del pubblico. Successo completo per la Sicilia se si considera che la Regione e l’Università Bellini di Catania ISSM-AFAM piazzano il 1° ed il 3° posto di Italia anche con il magnifico risultato del pianista Alberto Ferro di Gela, allievo del maestro Epifanio Comis. Ragusa sul tetto di Italia e lungo le affascinanti note del pianoforte.


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR