Vita Cristiana

Pubblicato il 18 Dicembre 2015 | di Redazione

Il piano pastorale 2015-2016 della parrocchia San Pietro Apostolo di Ragusa

La comunità della parrocchia San Pietro Apostolo di Ragusa, si è riunita in assemblea per un confronto sul piano pastorale annuale proposto dal parroco don Gino Ravalli.

Il piano pastorale di quest’anno è frutto di lavoro lungo e attento iniziato già nel corso del precedente anno sociale, quando ci siamo incontrati in assemblea per analizzare le criticità e le esigenze innovative della comunità, all’interno della quale sono emerse proposte ed evidenziati ostacoli. Il lavoro che il parroco ha analiticamente è stato trasposto in un dettagliato piano di attività, che sono state esposte prima al consiglio pastorale parrocchiale e poi alla comunità parrocchiale convocata appositamente.

Secondo quanto sottolineato nell’intervento di don Gino, obiettivo dell’anno sarà la formazione, intesa come conoscenza delle cose per raggiungere piena consapevolezza del senso di appartenenza alla comunità. É necessario formare ed educare per poter cambiare, per essere nuovi e la formazione ci aiuta a capire quale deve essere il vero stile del servizio pastorale.

Sono tre le parole che dobbiamo fare nostre: catechesi, liturgia e carità, tre aspetti fondamentali che stanno a fondamento di ogni comunità. Obiettivo di ogni cristiano è la santità ed è l’unico motivo che ci porta ad operare in parrocchia, per questo ci servono dei testimoni autentici. Ogni battezzato è un membro vivo e attivo della comunità per la quale sarà opportuno che svolga un servizio, anche una piccola cosa, ma che sia utile alla comunità. In tutto questo sarà necessario ripensare alcune cose, anche da un punto di vista organizzativo, valorizzando l’essenziale, la semplicità, la brevità.

I vari gruppi parrocchiali prenderanno spunto dal piano pastorale presentato dal vescovo emerito, monsignor Paolo Urso, (Eucarestia, Matrimonio e famiglia) nel programmare alcuni incontri di approfondimento sull’Eucarestia, il sacramento del matrimonio e la famiglia, come luogo dell’incontro, del dialogo, della solidarietà e del servizio.

Le attività stabilite per l’anno in corso prevedono i seguenti punti: corso di liturgia (ogni primo e secondo giovedì del mese); lectio divina sul libro di Tobia (ogni ultimo venerdì del mese); corso per genitori (“Genitori non si nasce, si diventa”); esercizi spirituali nei periodi forti di Avvento e Quaresima; incontri per catechisti, educatori e coordinatori, operatori Caritas e San Vincenzo (a mesi alterni); incontri dei ministri straordinari dell’Eucarestia e degli accoliti (ogni primo mercoledì del mese); incontri per i lettori istituiti e di fatto (ogni secondo e terzo lunedì del mese); incontri di formazione per i cori parrocchiali (ogni terzo mercoledì del mese).

di Rosanna Massari

Tags: , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna Su ↑