Attualità

Pubblicato il 1 Dicembre 2016 | di Redazione

Bonus in arrivo anche per i docenti

Di qualche giorno fa la notizia dell’introduzione della Carta del Docente, un sistema digitale per accreditare i 500€ previsti dal bonus aggiornamento voluto dal Governo.
Gli insegnanti di ruolo potranno infatti beneficiare di un borsellino elettronico della stessa capacità di quello dei neodiciottenni.

A differire da quest’ultimo, la modalità di impiego della somma: mentre ai giovani non è consentito effettuare una spesa in termini di hardware e software, i docenti potranno invece godere di questa possibilità. Merito del gap tecnologico generazionale? Probabilmente. È pur certo comunque che questo bonus sarà l’occasione per avvicinare il mondo dei cattedratici a quello dei nativi digitali.

La procedura per ottenere la somma desiderata è pressoché simile.
Il primo passo da compiere riguarda la registrazione dell’identità digitale, la famosa SPID, dunque rivolgersi ai medesimi provider dei ragazzi.
Non sarà invece obbligatorio farlo entro il 30 novembre: il termine presentato riguarda semplicemente la tempistica per la messa online dell’applicazione dedicata agli insegnanti.

Per poter dare vita alla Carta del Docente, sarà necessario scaricare l’omonima app che genererà di volta in volta dei buoni spesa spendibili presso tutti gli esercenti abilitati.
La cifra sarà impiegabile per l’acquisto di pubblicazioni e riviste, l’iscrizione a corsi presso enti accreditati al Ministero dell’Istruzione, l’iscrizione a corsi di laurea inerenti al profilo professionale, l’acquisto di ingressi a teatri, cinema, musei, mostre ed eventi.

La burocrazia dovrebbe così giovarne, fornendo agli utenti un sistema elettronico, veloce e affidabile per tenere sotto controllo le iniziative di spesa e velocizzare le procedure proprie di rendicontazione.

Tags: , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑