Vita Cristiana

Pubblicato il 28 Marzo 2018 | di Alessandro Bongiorno

Fede e pietà popolare si toccano

Riti e tradizioni che si rinnovano esaltando una fede che si nutre anche dei sentimenti più alti e nobili della pietà popolare. Anche questo è la Settimana Santa in Sicilia e nella nostra Diocesi.

Sono giorni scanditi da liturgie e processioni che aiutano a rivivere i momenti della Passione e preparano il tripudio della Pasqua. Dalle processioni delle confraternite a Ibla, ai riti del Giovedì Santo, sino ai Misteri del Venerdì Santo (che a Vittoria diventa drammaturgia con il Dramma Sacro). A Comiso, poi, la domenica di Pasqua la “Paci” esalta la festa della Resurrezione mentre in tutte le chiese risuonano le campane.

A Ragusa, su iniziativa del Vicariato, la processione cittadina con i simulacri della Passione è uno dei momenti nei quali fede e religiosità popolare si toccano e danno vita a momenti di grande suggestione. L’appuntamento è il Venerdì Santo, alle 20, in piazza San Giovanni, punto di ritrovo per i simulacri della Passione provenienti da sette diverse chiede della città: Gesù nell’orto degli ulivi (Preziosissimo Sangue), Ecce Homo (dall’omonima chiesa), Cristo all’urna (San Pietro), Incontro tra Gesù e Maria (Maria Ausiliatrice), Crocifissione (Santa Lucia), Discesa dalla Croce (San Francesco d’Assisi), Addolorata (San Giovanni Battista).

La processione, prima di tornare in cattedrale, toccherà piazza San Giovanni, corso Italia, via Felicia Schininà, via G. B. Hodierna, via Roma, corso Vittorio Venetp e ancora piazza San Giovanni.

Non sempre è stato così. Nella storia, questa processione è stata la fotografia della comunità ragusana, con ogni statua accompagnata da una precisa classe sociale. I massari, i carrettieri, i pirriaturi, i “mastri”, sino al clero e ai nobili si mettevano sulla scia della “loro” statua. Il tempo ha corretto una tradizione che finiva con il dividere la città per trovare un momento di sintesi e di unità tra le varie parrocchie cittadine.

Anche a Ibla, il pomeriggio del Venerdì Santo, si tiene la solenne processione alla quale partecipano centinaia di fedeli.


Autore

Alessandro Bongiorno

Giornalista, redattore della Gazzetta del Sud e condirettore di Insieme. Già presidente del gruppo Fuci di Ragusa, è laureato in Scienze politiche.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR