Attualità

Pubblicato il 3 Aprile 2018 | di Alessandro Bongiorno

0

Ri… costruiamo Saperi da lunedì a Magnì si torna a lavorare

Si va avanti. Con ancora più forza e determinazione. Da lunedì le cooperative “Seminamondo” e “Rinart” che operano in contrada Magnì nel progetto della Diocesi di Ragusa Costruiamo Saperi riprendono la loro attività. Lo scorso 22 marzo, con un atto vile, malviventi ben organizzati, durante la notte, hanno rubato alle due cooperative macchinari pesanti, attrezzature, strumenti.

La falegnameria della cooperativa Rinart è stata messa in ginocchio: di tutti i macchinari per lavorare il legno, del valore approssimativo di 25.000 euro, sono rimasti tre scalpelli e poco più. La cooperativa Seminamondo, che opera in ambito agricolo, è rimasta priva delle motozappa, di varia attrezzatura e persino della pompa di sollevamento dell’acqua.

È stato rubato tutto il necessario per lavorare, tutto ció che nei mesi scorsi era servito ad aiutare persone con vite difficili, a valorizzare mestieri e competenze dei nostri giovani, a produrre ogni giorno beni e relazioni fra persone che vogliono crescere su questo territorio. L’altro giorno queste persone erano tutte con le lacrime agli occhi, incredule e sgomente. Ma i sogni non si possono rubare e quindi con tre scalpelli e poco più in falegnameria e con le mani sporche di terra sui campi, da lunedì le nostre cooperative ricominceranno a lavorare.

Se la sfida di generare economia etica era giá difficile, oggi siamo ben consapevoli che la buona volontà non basta. Quello che chiediamo a ciascuno di voi è di darci una mano per ricostruire questo segnale di speranza per il nostro territorio, per non lasciare senza lavoro giovani che hanno investito le proprie competenze su un’attività imprenditoriale e persone in difficoltà che contano su questa unica opportunità per risollevarsi.

È possibile contribuire donando sul conto corrente IT93S031917001000008100703 intestato a Diocesi di Ragusa Costruiamo Saperi con la causale: Ricostruiamo Saperi o recandosi direttamente presso la sede della Caritas diocesana in via Roma, 109 Ragusa o al Centro Ascolto di via Ecce Homo 259 a Ragusa.

Ringraziamo tutti coloro che, anche con una piccola offerta, doneranno di certo il coraggio e la speranza necessari per rinascere più forti di prima.

 


Autore

Alessandro Bongiorno

Giornalista, redattore della Gazzetta del Sud e condirettore di Insieme. Già presidente del gruppo Fuci di Ragusa, è laureato in Scienze politiche.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑