Vita Cristiana

Pubblicato il 14 maggio 2018 | di Silvio Biazzo

0

La Madonna della Medaglia per le vie del centro storico

La processione con l’artistico simulacro di Maria Santissima della Medaglia è stata vissuta, come accade da sempre negli ultimi anni, con notevole fervore religioso.

Dopo l’uscita dalla Cattedrale, il corteo, guidato dal parroco don Giuseppe Burrafato e caratterizzato dalla presenza dei fedeli che con i ceri accesi hanno preceduto il passaggio del simulacro, ha animato le vie del centro storico superiore di Ragusa.

E’ stato attraversato il Ponte Vecchio sino a giungere in piazza Cappuccini, dove c’è stata una sosta di omaggio alla Mamma del cielo e a tutte le mamme curata dalla comunità della parrocchia San Francesco d’Assisi. La processione è poi arrivata in piazza Caduti di Nassirya, di fronte all’ospedale Civile.

Qui il parroco e il direttore dell’ufficio diocesano per la Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, hanno dato vita, con la collaborazione della cappellania ospedaliera, a un momento di preghiera rivolto a tutti gli ammalati, allo scopo di dare conforto spirituale, i devoti hanno lasciato andare in cielo alcuni palloncini colorati.

Dopo essere transitato per via Roma, il simulacro della compatrona della città di Ragusa, accompagnato dal corpo bandistico San Giorgio, ha fatto rientro in Cattedrale.

L’avvio della processione, subito dopo l’uscita dalla Cattedrale, è stato caratterizzato dal lancio di un rosario bianco e azzurro, composto da palloncini, elevatosi al cielo, un gesto simbolico per significare come anche soltanto la recita di un’Ave Maria possa garantire la vicinanza dei fedeli al cielo. Hanno animato la processione i volontari dell’Unitalsi, dell’Avo, le suore del Sacro Cuore di Gesù, le corali della Cattedrale, i ministri, i portatori e naturalmente i devoti di Maria Santissima della Medaglia.

Il parroco e i sacerdoti della Cattedrale hanno poi voluto ringraziare i sacerdoti intervenuti durante il triduo, vale a dire don Francesco Mallemi, don Nicola Iudica e don Giuseppe Ramondazzo oltre a don Carmelo Mollica presente alla processione. Intanto, il programma dei festeggiamenti contempla, sino al 19, la preparazione alla solennità di Pentecoste.

Ogni giorno, in Cattedrale, infatti, alle 18 ci sarà la preghiera del Rosario, la coroncina e la novena allo Spirito santo: alle 19 è prevista la celebrazione della Santa Messa.

Tags: ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑