Cultura

Pubblicato il 26 Maggio 2018 | di Orazio Rizzo

Mons. Marco Frisina a Vittoria per il Convegno di Musica Sacra, in occasione della festa di Santa Rita

E’ stato accolto sulle note de: “ I cieli narrano” , brano risalente al periodo del suo esordio, tratto dall’album “Benedici il Signore” del 1987, Mons. Marco Frisina , lunedì sera 21 maggio 2018, in piazza Giordano Bruno, nel cuore del centro storico di Vittoria, in occasione del Convegno di Musica sacra organizzato dal parroco della parrocchia San francesco di Paola, Don Salvatore Mallemi, in occasione della festa di Santa Rita.

Un momento culturale che ha fatto registrare la presenza di circa 300 persone, segno tangibile di ammirazione nei confronti dell’ospite d’onore, stimato ed apprezzato da tanti e non solo dagli addetti ai lavori, naturalmente ai primi posti.

Presenze che hanno messo a dura prova la logistica dell’evento, da far predisporre agli organizzatori una lista di prenotazioni per gli ingressi tramite pass e a transennare l’area.

Mons. Marco Frisina è direttore del Coro della Diocesi di Roma, compositore di musiche liturgiche e noto biblista; è noto negli ambienti ecclesiali per i suoi canti, eseguiti dalle corali di tutto il mondo; musiche diffusesi a macchia d’olio per la loro bellezza, la loro melodia e la polifonia. Ha composto le colonne sonore di molti film a tema storico e religioso. E’ anche Direttore della Pontificia Cappella musicale Lateranense. Dirige il coro nelle celebrazioni papali in piazza San Pietro a Roma.

Il Convegno dal tema: “Cantate al Signore con arte – l futuro della musica polifonica nella liturgia” si collocava in un percorso specifico che sta animando tutte le attività dei festeggiamenti in onore della santa Taumaturga: quello di rileggere il tema “Bellezza”, in ogni forma d’arte.

L’evento di natura culturale si è aperto con un breve momento di preghiera, i saluti del parroco Don Salvatore Mallemi, organizzatore del momento e del Presidente il Consiglio Comunale, dott. Andrea Nicosia, che ha omaggiato Don Marco Frisina del libro “Vittoria nell’arte”, ringraziandolo per la sua presenza a Vittoria, “motivo di vanto per l’intera città”.

Don Mallemi ha poi introdotto il tema del Convegno, specificando come la musica e il canto siano espressioni dell’infinita bellezza di Dio, insistendo sul concetto e sulla necessità di una liturgia decorosa, ben preparata anche in ambito musicale, da cori formati sia in ambito tecnico che in quello spirituale, secondo le indicazioni stesse della Chiesa.

Mons. Frisina ha successivamente regalato ai presenti vere “perle” di saggezza, frutto dalla sua lunga esperienza in ambito compositivo e di direzione di Cori; ha lanciato una serie di “pro-vocazioni”, corredate da elementi di riflessione teologica, biblica oltre che pratica e funzionale.

Il canto – ha detto don Marcoè espressione del’amore di Dio, perché eleva la lode a Lui e ci santifica. E’ espressione di amore, che coinvolge tutto il corpo, una espressione universale di fede vissuta e sperimentata”.

Si è a lungo soffermato sul concetto della musica quale strumento di comunicazione; “ la musicacontinua Frisinacomunica al cuore parole  e sentimenti anche spirituali che altrimenti non riusciremmo ad esprimere. L’uomo non potrebbe vivere senza musica che esprime anche la nostra esperienza spirituale”

Il convegno è stato animato dalla “Corale del Convegno” appositamente creata per l’occasione, composta da membri di vari cori cittadini, diretti dalla maestra Gianna Rizza, accompagnata alla tastiera dalla maestra Alessandra Picceri e da musicisti d’eccezione: i ragazzi dell’Istituto musicale di Modica agli strumenti. Il coro ha eseguito quattro brani, tutti tratti da vari repertori dello stesso Frisina che con piacere si è prestato a dirigere il coro stesso in “Madre fiducia nostra” e nel canto finale “La vera gioia”.

Alla fine dell’intervento, Don Marco ha risposto ad alcune domande dei presenti su temi legati alla scelta del repertorio musicale, alla formazione dei coristi, sulla polifonia e sul coinvolgimento dell’ assemblea, sulle tecniche compositive e sull’ispirazione ed ancora sull’attualità della musica liturgica e gregoriana e sulla loro applicazione.

E’ stato, in ultimo, consegnato ai vari direttori dei cori presenti il testo della Istruzione Conciliare  “Musicam Sacram”. Un momento emozionante ed anche formativo per chi opera nel campo della musica liturgica e del canto.

 

 

 

 

 


Autore

Orazio Rizzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna Su ↑