Vita Cristiana

Pubblicato il 14 giugno 2018 | di Silvio Biazzo

0

Ha fatto più rumore da morto che da vivo

16 giugno 2002, un giorno che certamente tutti ricordano, a Roma viene Canonizzato il Beato Padre Pio da Pietrelcina, l’umile frate con le stimmate, da allora sarà chiamato San Pio. Ad esultare non è stata soltanto la comunità di S.Giovanni Rotondo ma tutta la gente di Fede sparsa in tutti i continenti.

Sono trascorsi cinquant’anni dal Suo Transito ( 23 settembre 1968 ) e questa figura carismatica è radicata più che mai nei cuori di milioni di fedeli in tutto il mondo specie dopo essere salita agli onori degli altari: un evento non usuale per la Chiesa. E per quanti oggi si portano in San Giovanni Rotondo è l’occasione per fare o rifare i percorsi canonici: la Grande chiesa dedicata al Santo, il vecchio sito della Tomba, la Cella, la Via Crucis, la Chiesa di S. Maria delle Grazie, la vecchia Chiesa con il Suo Confessionale, il Convento, e si potrà ammirare soprattutto la immensa nuova Basilica fortemente da Lui voluta, e la originale Cripta “d’oro” (dove è stato traslato, seppur con qualche iniziale dissenso, il sarcofago di Padre Pio, oggi esposto alla venerazione dei fedeli e racchiusa in un’urna trasparente) uno stupendo complesso avvenieristico di inusitata bellezza e maestosità, tra breve impreziosito da enormi vetrate istoriate, idoneo ad ospitare decine di migliaia di pellegrini assetati di Fede.
L’umile Cappuccino è certamente la figura più emblematica e discussa di questi ultimi decenni: su di Lui si sono scritte e si sono detti fiumi di parole, che affiorano nella mente del pellegrino, specie quando volge lo sguardo alla bianca e imponente costruzione che si staglia poco distante dal Sacro Convento, la Casa Sollievo della Sofferenza, divenuta il punto di riferimento mondiale dell’opera terrena di P. Pio, per la cui realizzazione tanto ebbe a soffrire! Oggi il ricordo in modo particolare è di quanti hanno avuto la gioia di conoscerLo personalmente e quanti sono stati da Lui “toccati” nel corpo e nello spirito. E poi ci sono quelli che anche continuano a sentire inconsapevolmente la Sua presenza legata a quell’inebriante profumo di strani fiori ( e chi scrive, parecchi anni or sono, ne è stato – certamente indegnamente – ignaro protagonista).
Un fenomeno inspiegabile dicono molti quello del passaggio di P. Pio nel recente fine millennio, una presenza sconcertante sussurrano altri, le testimonianze di vita vissuta da parte dei protagonisti possono sembrare a volte inverosimili (come negli svariati casi di bilocazione), certamente inspiegabili con la sola forza della ragione: per tutti il Frate di Pietrelcina è un segno del Divino. E chissà che non sia stato un segno del Divino la morte del Frate in quel 23 settembre 1968, l’anno della contestazione, che ha profondamente segnato l’evoluzione sociale e spirituale di questo nostro tempo contemporaneo.
.

Tags:


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑