Attualità

Pubblicato il 12 Novembre 2018 | di Orazio Rizzo

0

A Vittoria una lezione di dialogo ed ecumenismo tra Cattolici e Ortodossi

Due comunità in cammino, quella ortodossa e quella cattolica, protagoniste di un momento di fraternità e di condivisione di un progetto di cultura e di accoglienza. Un cammino che dura da anni e che vede la due comunità “sorelle” sempre più legate e unite in un vincolo di carità fraterna e di supporto reciproco: materiale e spirituale. Ecumenismo applicato lontano dalle diatribe teologiche ma fondato su un vero e sincero percorso di avvicinamento e dialogo.

Lo scorso 3 novembre, è stata inaugurata la scuola parrocchiale ortodossa, promossa dalla Chiesa Ortodossa in Italia, presso la casa-alloggio delle Ferrovie dello Stato concessa in comodato d’uso alla “Fondazione il Buon Samaritano” di Vittoria. La comunità ortodossa per molti anni ha officiato a Vittoria, ospite della Parrocchia Spirito Santo, accolti dal parroco, Don Beniamino Sacco, prima di trasferirsi a Ragusa.

Un momento intenso di fraternità che oggi si confrontano sul piano dell’accoglienza e del dialogo, del rispetto e della collaborazione. La comunità ortodossa è presente nel territorio ipparino da anni, data la numerosa presenza di molti fedeli, soprattutto di nazionalità romena.

Alla presenza di Papas Nicolaj e di Don Beniamino Sacco, parroco della parrocchia Spirito Santo, comunità da sempre impegnata nel campo dell’accoglienza e della carità, sono stati inaugurati i locali che accoglieranno i bambini delle elementari e delle scuole medie presenti nel territorio. Il doppio rito di benedizione ha sancito l’unione spirituale tra le due culture e denominazioni cristiane, quale “segno per i tempi” attuali dove l’odio, la violenza contro l’altro, il diverso e lo straniero, assumono toni esacerbati, spesso legati anche alle differenze religiose. Una celebrazione semplice ma intensa, vissuta in un clima di gioia e preghiera, di amicizia consolidata e rinnovata in un abbraccio fraterno e sincero.

Dopo il rito, Padre Nicolaj ha ringraziato Don Beniamino e la parrocchia Spirito Santo per l’ospitalità dimostrata in questa occasione, così come agli inizi del suo apostolato a Vittoria. “In Don Beniamino – ha detto P. Nicolaj – ho trovato un padre, un punto di riferimento. Sempre pronto ad accogliere e a donarmi un consiglio in ogni occasione”. A fargli eco lo stesso Don Beniamino: “Sono felice d’aver potuto contribuire ed offrire alla comunità ortodossa, la possibilità di poter accogliere i bambini e i ragazzi per la formazione culturale e religiosa”.

A seguire si è tenuto un momento di festa con la condivisione dei dolci tipici realizzati dalle madri dei ragazzi.
La piena fraternità realizzata e che passa anche attraverso questi gesti, testimonianza di un cammino ecumenico possibile ed attuabile.


Autore

Orazio Rizzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑