Vita Cristiana

Pubblicato il 5 Aprile 2019 | di Redazione

0

“Dire l’amore con l’anima e con il corpo”

Domenica 31 Marzo presso la parrocchia Maria SS. Nunziata di Ragusa, si è svolta la 28esima edizione dell’Assemblea Diocesana della Pastorale Familiare.

Davide e Nicoletta Oreglia, Responsabili dell’Ufficio Famiglia della Diocesi di Mondovì (Cn), sono stati i relatori che con molta competenza, scorrevolezza e dinamicità hanno trattato il tema di quest’anno. Dire l’amore con l’anima e il corpo, perché tutti siamo composti da questi due preziosi elementi che fanno di un individuo una persona a tutto tondo. Fisicità ed intelletto dialogano tra loro in noi stessi e, al tempo stesso, ci proiettano verso l’altro da noi, in questo caso il partner; noi infatti siamo “comunionali”, creati per cercare e vivere in comunione con l’altro, a livello fisico e spirituale.

Ci sono delle “ricette”che i coniugi ci hanno suggerito: la prima  è tratta dal II Libro dei Re, capitolo 4, “La pentola avvelenata”, il racconto della preparazione di una zuppa che per uno sbaglio risulta indigesta, ma che viene risanata aggiungendo della farina. Quale l’insegnamento per noi? Ogni coppia deve trovare la sua “farina” per risanare i “veleni” che circolano nella vita matrimoniale; sorrisi, carezze, preghiera… ognuno deve trovare il suo ingrediente. La seconda ricetta è tratta dal punto 134 di Amoris Laetitia di Papa Francesco il cui messaggio è molto chiaro: l’amore, o va avanti o va indietro, non esiste lo “stand by”; l’amore va custodito, coltivato perché è chiamato a crescere a qualunque età e possiamo farlo corrispondendo alla Grazia divina. Per godere di questo dono dobbiamo cercare di vivere il sacramento del matrimonio facendo più atti d’amore, di tenerezza, affetto e allegria. La terza ricetta è tratta dall’art. 1624 del Catechismo della Chiesa Cattolica: lo Spirito Santo è colui che ci permette di amarci pienamente con l’anima e con il corpo, esso è sigillo, sorgente e forza del nostro amore. La giornata è proseguita con altre riflessioni e simpatici esercizi- gioco da fare in coppia sui temi del dialogo, preghiera e sessualità, descritti come le tre gambe del tavolo che rappresentano la vita a due. Una di queste gambe può rompersi, danneggiarsi e si rompe l’equilibrio della coppia perché questo tavolo è come se si abbassasse. Ci sono due vie: la coppia saggia cerca di risanare, la coppia stolta sega le altre due gambe e rompe totalmente l’equilibrio generale. Al suddetto equilibrio si lavora tutta la vita nonostante le varie fasi dell’amore che si evolve, si trasforma su tutti i fronti e deve fare i conti con tante prove come le tentazioni o il tradimento in certi casi. Grande attenzione è stata data all’importanza del talamo nuziale, benedetto dalla Chiesa in modo speciale, inteso come un sacrario, come un altare dove avviene la donazione totale. Dalla santità del talamo deriva la santità del focolare e la santità familiare ( Padre Enrico Mauri ). Relazioni, video, canzoni e dibattiti hanno arricchito quest’assemblea che si è conclusa con il messaggio di gioia datoci dai bambini che hanno vissuto un percorso parallelo con gli animatori di Animatema, il servizio offerto dall’Ufficio per intrattenere i figli trattando lo stesso tema che affrontano i genitori e con la celebrazione della santa Messa presieduta dal Vicario generale, don Roberto Asta e concelebrata da don Raffaele Campailla,  parroco della SS Nunziata, che ha ospitato con grande accoglienza le famiglie partecipanti. Una giornata ricca, formativa, a tratti anche divertente e benedetta dal nostro Vescovo, Mons. Carmelo Cuttitta che è venuto per un saluto e che ci ha dimostrato ancora una volta il suo apprezzamento per queste iniziative che valorizzano l’impegno di pastorale familiare nella nostra Diocesi.

Claudia e Pippo Impoco

 

 

 

 

Tags: , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑