Vita Cristiana

Pubblicato il 20 Aprile 2019 | di Carmelo Cuttitta, Vescovo

Il messaggio augurale del vescovo monsignor Carmelo Cuttitta


Carissimi amici,
nell’approssimarsi della Pasqua, mi capita di chiedermi quale idea abbiano gli uomini e le donne del nostro tempo e della nostra società di questa celebrazione cristiana. Certo, nel nostro contesto che ha alle spalle tanti secoli di cristianesimo, non sarà difficile per molti vedere nella Pasqua un qualche “ricordo” della resurrezione di Gesù. Probabilmente non mancherà chi considera questo evento una trovata un po’ ingenua per dare un happy end, un lieto fine alla storia di Gesù, conclusa sulla croce in maniera drammatica e crudele. Qualcuno dirà anche: se fosse vero che è risorto, a lui è andata bene; purtroppo a noi le cose vanno diversamente. Ma chi si è avvicinato a Gesù prendendo familiarità con i vangeli, chi lo ha davvero incontrato, chi crede che Egli meriti tutta la nostra fiducia e che in Lui si fondi tutta la nostra speranza, sente che la sua vicenda ha a che fare profondamente con la nostra storia e con la storia di tutta l’umanità.

Allora la Pasqua è percepita come un luminosissimo raggio di luce che irrompe nel mondo e ne infrange l’oscurità. I tre evangelisti “sinottici” (Matteo, Marco e Luca) raccontano che, all’avvicinarsi della morte di Gesù, “si fece buio su tutta la terra”; i medesimi tre evangelisti collocano la scoperta della tomba vuota da parte delle donne, “al sorgere del sole” ( Marco 16,2). La Pasqua è luce dopo le tenebre, l’alba più luminosa dopo la notte più buia. Nella nostra mente e nel nostro linguaggio accostiamo facilmente buio e morte, luce e vita. Diciamo che chi conclude la propria esistenza scompare “nel buio della morte”, chi nasce “viene alla luce”. È interessante ricordare che la celebrazione liturgica della Pasqua ha il suo momento più proprio nella Veglia pasquale, che dovrebbe, almeno idealmente, iniziare nel buio della notte e concludersi all’alba, quando spunta la luce. Queste due parole che amiamo e che fuggiamo, che desideriamo e che temiamo – vita e morte – a Pasqua sono ripetute e intrecciate in tanti testi liturgici. “Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello” canta l’inno dei giorni pasquali. Sulla scena della nostra esistenza questi due personaggi non danzano forse in continuazione? A Pasqua vince la vita, e perciò vince la felicità; per questo siamo in festa. A ben guardare, dietro a questo trionfo della vita si profila nella Pasqua cristiana, un’altra realtà da tutti desiderata, un’altra luce, un’altra vittoria: si chiama “amore”. Dopo la morte in croce di Gesù avviene la Pasqua perché quella morte è stata un immenso, ineguagliabile, totale atto di amore, nel quale è condensata una vita tutta intessuta di amore. Ma l’amore, quello vero, è divino, perché “Dio è Amore”. Chi ama si ritrova accolto dalle braccia calde tenerissime di Dio. A Pasqua noi gioiamo perché così è anche per noi: chi ama vive, è destinato a risorgere e a vivere per sempre!

La Pasqua di Gesù ci fa pensare agli innumerevoli atteggiamenti, progetti, gesti di amore, alle tante scelte e alle tante storie di donazione in cui si dona dignità e felicità all’altro, soprattutto al povero, al piccolo, all’escluso, al sofferente. Lì c’è il Risorto, c’è vita, c’è felicità vera, c’è vittoria del Bene: c’è Dio. Penso, all’opposto, ai gesti, ai progetti, alle scelte di odio, di violenza, di egoismo, di oppressione, di corruzione, di indifferenza. Lì c’è morte, buio, c’è vittoria del male: lì Dio è cacciato e rifiutato.

Auguro a tutti voi di ritrovare il Signore Gesù, risorto perché ha amato, la fonte della nostra felicità più vera e la spinta a fare della nostra esistenza una esistenza per gli altri. Le occasioni sono numerose, la vita ne è piena: non sprechiamole. Saranno tante piccole Pasque che ci conducono alla grande, luminosissima Pasqua che non ha fine. Auguri di vero cuore per tutti voi.

Tags: ,


Autore

Carmelo Cuttitta, Vescovo

S.E. Mons. Carmelo Cuttitta è nato a Godrano, provincia ed arcidiocesi di Palermo, il 24 marzo 1962. Ha compiuto gli studi filosofici e teologici presso la Pontificia Facoltà Teologica "San Giovanni Evangelista" come alunno del Seminario arcivescovile maggiore di Palermo, ottenendo il Baccellierato in teologia e frequentando, in seguito, i corsi per la Licenza. Ha ricevuto l’ordinazione presbiterale il 10 gennaio 1987, per l’imposizione delle mani del card. Salvatore Pappalardo. Ha svolto i seguenti incarichi: vice rettore del Seminario arcivescovile maggiore "San Mamiliano" (1987-1988); assistente diocesano dell’Azione Cattolica giovani (1987-1995); vicario parrocchiale della parrocchia "S. Atanasio" a Ficarazzi (1988-1990); segretario particolare dell’Arcivescovo di Palermo (1990-1996); segretario aggiunto della Conferenza Episcopale Siciliana (1991-2007); membro del Consiglio presbiterale (1997-2007); membro del Collegio dei Consultori (2002-2007); parroco della parrocchia San Giuseppe Cottolengo (1996-2007); dal 2004 è commissario arcivescovile della Congregazione degli Angeli (Ente gestore della Scuola Cattolica "S. Lucia"). E’ stato membro della Commissione liturgica diocesana e della Commissione diocesana per lacanonizzazione del Servo di Dio don Giuseppe Puglisi; consulente ecclesiastico del Centro di Pastorale familiare; membro del Comitato regionale preparatorio al Convegno ecclesiale di Verona. Nel 2004 è stato nominato Cappellano di Sua Santità. Il 28 maggio 2007 è stato nominato da Papa Benedetto XVI Vescovo titolare di Novi e ausiliare dell’Arcidiocesi di Palermo; ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 7 luglio 2007 per l’imposizione delle mani dell’arcivescovo mons. Paolo Romeo. In seno alla Conferenza Episcopale Siciliana ricopre l’incarico di Segretario.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR