Attualità

Pubblicato il 6 Maggio 2019 | di Orazio Rizzo

0

Il Coraggio di San Giorgio e l’amore per il creato. I ragazzi dell’AGESCI in festa

Un fine settimana intenso per i ragazzi dell’AGESCI Zona Iblea, che hanno vissuto le loro attività diocesane nel ricordo di San Giorgio e nel rispetto dell’ambiente e dell’ ecologia. I Lupetti e le Coccinelle, sono stati impegnati nella loro “Caccia di Primavera”, pronti a “salvare il mondo”, renderlo un posto più vivibile, bello e pulito, a “lasciarlo migliore di come lo hanno trovato”, secondo la felice espressione del fondatore dello scoutismo, Sir Robert Baden Powell. I più grandi del CdA (consiglio degli anziani), sabato 4 maggio si sono dati appuntamento a Scoglitti, accompagnati in questo viaggio da Isabella di Castiglia e Cristoforo Colombo, alla scoperta di un mare…. di spazzatura…. lungo la spiaggia della Riviera Gela. Armati di guanti, palette e sacchi, i bambini si sono dati da fare per ripulirla dalla sporcizia e dai rifiuti, raccogliendo parecchi sacchi di rifiuti; la loro missione? dare l’esempio e testimoniare che è possibile impegnarsi e fare la “differenza”.

Domenica mattina, sono stati raggiunti da tutti i Lupetti e le Coccinelle dei Branchi e Cerchi iblei, per continuare insieme la festa di Zona, tra canti, giochi vari, che li hanno visti impegnati tutta la mattina, seguendo sempre  lo stesso filo conduttore, il tema dell’ecologia e della salvaguardia del creato, realizzando giochi con materiali di riciclo. Gli Esploratori e le Guide, invece, hanno vissuto il loro 73° San Giorgio, presso la tenuta “Il Carrubo” di Acate, accompagnati dai loro Capi, ma soprattutto dalla figura del Santo cavaliere Giorgio, protettore della Branca EG. L’evento è stato incentrato sul tema del coraggio, declinato nelle sue svariate e belle sfaccettatura; tutti i momenti proposti e vissuti, hanno sottolineato questo aspetto legato alla testimonianza e all’ “essere scout”, sull’esempio di Giorgio, il cavaliere che sconfisse il drago, impegnando i ragazzi tutto il fine settimana.

Il San Giorgio si è concluso – come da tradizione – con il rinnovo della Promessa Scout e con la consegna dei premi. La cerimonia dell’Ammaina bandiera ha sancito, infine, la conclusione di tutte la attività. “Giornate intense – commenta Jenny Dezio, Responabile della Zona iblea, dove sperimentiamo la bellezza e l’efficacia della metodologia scout, che prende vita e si trasforma in occasioni di crescita concreta e verificabile. Ogni fatica è sacrificio viene ripagato dal calore degli abbracci, dai volti stanchi ma soddisfatti, ma soprattutto dai sorrisi dei ragazzi”.

Tags: ,


Autore

Orazio Rizzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑