Attualità

Pubblicato il 11 Gennaio 2020 | di Silvio Biazzo

0

A Ragusa ancora maratona internazionale

Alla maratona di Ragusa in programma domenica 26 gennaio ci sarà anche una folta rappresentanza della federazione atletica slovena, che arriverà direttamente da Lubiana. Una presenza che impreziosisce ancora di più il valore dell’evento sportivo che, anno dopo anno, ha dimostrato di possedere sempre un maggiore appeal per i corridori che, infatti, arrivano da ogni parte d’Europa, e anche oltre, per prendere parte a una manifestazione che, giunta alla 17esima edizione, comincia a proporsi come una vera e propria classica.

Inoltre, la maratona e la StraRagusa, la mezza maratona sempre con partenza da via Feliciano Rossitto, sono state inserite nel calendario nazionale Uisp, grazie anche al supporto del presidente provinciale dell’ente di promozione sportiva, Tonino Siciliano, da sempre vicino all’evento sportivo. “La nostra maratona – sottolinea il patron Guglielmo Causarano – gode di grande credito ed è un appuntamento ambito. Giusto per dirne una, secondo una ricerca portata avanti dalla Gazzetta dello sport, risulta che la maratona di Ragusa è tra le 12 maratone, in Europa, da correre nel 2020. Insomma, un gradito riconoscimento che ci spinge a fare sempre di più e sempre meglio”.

“Le iscrizioni – continua Causarano – sono ancora possibili. Ed è semplicissimo perché tutte le indicazioni sono contenute nel nostro sito internet. Ci stiamo avvicinando a quello che è il record dei partecipanti. E speriamo davvero di poterlo superare dando ulteriore prova di quanto questo appuntamento sportivo sia seguito con la massima attenzione da tutti”.

Per informazioni e iscrizioni basta consultare il sito della manifestazione.

Tags: , , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑