Società

Pubblicato il 15 Aprile 2020 | di Mario Tamburino

«Io, ragusana, infermiera a Brescia» La testimonianza di Rita Fiaccabrino

«Perché ho deciso di farlo? Mi sono solo messa nei panni dei miei colleghi che lavorano in rianimazione. Se fossi stata io al posto loro mi sarei aspettata un aiuto, larrivo dei rinforzi, il sollievo di un cambio».

A rivolgersi alla mia terza C del liceo classico, in video-collegamento Skype, è Rita Fiaccabrino, ragusana, 27 anni, da due infermiera in Ginecologia presso gli Spedali Civili di Brescia. Sin dai primi giorni dal diffondersi dellepidemia di coronavirus in Lombardia, Rita ha chiesto di essere assegnata come volontaria al Reparto di Medicina che ospita 26 posti destinati a pazienti covid-19, sei dei quali di terapia sub-intensiva.

Mentre la mia didattica a distanza dinglese è alle prese con Evelin di Joyce paralizzata sul molo di Dublino, come noi nelle nostre abitazioni, chiedo a Rita di offrirci lopportunità di spalancare le finestre della nostra classe virtuale sulla sua realtà. Una rapida presentazione e, davanti alla testimonianza della nostra ospite, fioccano le domande dei miei alunni.

«Com’è cambiata la tua vita» chiede subito Ritamaria. «La vita è stata stravolta. afferma la giovane infermiera Attraversare la città deserta per andare al lavoro alle cinque del mattino è surreale. I ritmi sono serrati. Non ci fermiamo un attimo. Lavoriamo sempre al limite». Ma non è solo negatività, «si tratta anche unesperienza professionale incredibile».

«Dove hai trovato il coraggio di offrirti volontaria» domanda Giada. La risposta stempera la tensione in una risata. «Sai, per fare certe cose ci confida- ci vuole una certa dose di sana incoscienza».

Nel racconto della giovane infermiera emergono i nomi degli antiretrovirali, degli antimalarici e degli antibiotici con cui combattono il virus, ma ciò che Flavia desidera sapere realmente è: «Qual è la cosa che lascia il segno in unesperienza come questa?».

«Innanzi tutto che nulla è scontato. La salute per esempio. La possibilità di lavorare o di andare a scuola. Ma non solo. Quando io mi vesto ed entro in reparto devo restarci per 5 o 6 ore, perché se esco non posso rientrare. Non posso uscire a bere un bicchiere dacqua se ho la gola secca e neppure se mi scappa di andare in bagno. Figurarsi il caffè».

Paura? «Ho paura anchio confessa- come tutti. Si rischia di essere sopraffatti dalle emozioni. Non si tratta solo della paura che ti porti addosso tu, c’è anche quella che vedi nei pazienti. Ci dibattiamo tra paura e speranza. Alla fine, però, fai quello che va fatto»!

La difficoltà più grande? «Non potere avere un contatto realecon il paziente. Ho visto morire tanta gente. Hanno diritto a morire con dignità, cioè confortati dai propri cari, trattati con cura anche da morti, e invece manca il tempo».

Marina: «Il peggio deve ancora venire? A cosa serve il nostro sacrificio?». «Ciascuno deve fare il suo» afferma con decisione. E aggiunge: «Siamo tutti parte di una catena. Se cede un anello, la catena si spezza. Quando mi assale lo sconforto mi aiuta pensare al dopo, fatelo anche voi».

Già, il dopo. Come ci troverà il futuro? Ci scopriremo abbrutiti, oppure ci sorprenderà capaci di una fratellanzache non credevamo possibile? Se sarà così, benché chiusi tra le mura domestiche, come Ulisse, insieme ai miei alunni, avremo preso il largo per il vasto mare dellumano.            

Tags: , , , , ,




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR