Attualità

Pubblicato il 12 Aprile 2024 | di Redazione

0

Viaggio attraverso i Salmi

Dopo un primo turno di Esercizi spirituali già svolto a Siracusa nel novembre scorso, adesso nella serena atmosfera della Casa dei Padri Passionisti di Mascalucia, dall’8 al 12 aprile un gruppo di circa 30 sacerdoti della nostra Diocesi, accompagnati dal nostro Vescovo, abbiamo intrapreso un viaggio interiore guidato dal Vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Mons. Andrea Migliavacca. Il tema assai coinvolgente: “Dalla invocazione alla lode. Un cammino con i Salmi”, ha illuminato le anime, le menti e gli occhi dei partecipanti.

Il predicatore ha sottolineato il ruolo centrale dello Spirito Santo nei nostri cuori, in sintonia con la nostra vita attuale e le relative sfide quotidiane.

Alcuni Salmi incanalano lo sguardo verso la profondità dell’essere, invitano a riconoscere l’amore e la protezione divina che ci avvolge, senza giudizio o controllo, ma con un’affettuosa presenza. Altri Salmi ci portano ad esplorare le ferite, personali e collettive, come punti di contatto con la sofferenza umana e come opportunità per il manifestarsi dell’amore divino. Questa consapevolezza spinge ad abbracciare le ferite degli altri come parte essenziale del nostro ministero.

Le meditazioni di Mons. Migliavacca hanno approfondito molto il tema della misericordia divina, puntando soprattutto alla storia del re Davide (cf. Salmo 51). Nonostante la potenza del peccato, riconosciamo la grandezza e la forza della misericordia di Dio, capace di trasformare e guarire, portando benefici non solo a noi stessi, ma anche a coloro che ci circondano.

Infine, altri Salmi contemplano l’azione di Dio nella creazione e nelle nostre personali esistenze, trovando conforto nella sua fedeltà anche di fronte alle avversità e alle sfide della vita quotidiana.

In questo cammino ha avuto un ruolo centrale il tema del silenzio, presentato come un prezioso strumento per ascoltare la voce di Dio, apportando chiarezza e serenità nei nostri pensieri. Il silenzio, soprattutto quello interiore, diventa veramente un alleato prezioso, poiché permette di affidarci completamente a Dio e di cogliere la bellezza e la bontà che Egli continua a donare. C’è, tuttavia, un silenzio anche esteriore, quasi sacro, che ha accompagnato non soltanto i momenti di preghiera o di meditazione ma anche i momenti dei pasti o dei tempi liberi.

In sintesi, i nostri Esercizi spirituali hanno rappresentato un’opportunità straordinaria per riscoprire la bellezza del silenzio e la potenza dei Salmi come strumento di preghiera e riflessione; ma anche per approfondire la nostra relazione personale con Dio e con il suo popolo santo, che da noi si aspetta sempre liete parole (cf. Salmo 45,2). Siamo grati al Signore per ciò che abbiamo ricevuto e per il prezioso tempo trascorso insieme, in comunione fraterna e spirituale. E siamo grati anche alla Commissione per la Formazione permanente del clero, che ha tessuto i vari aspetti organizzativi perché ogni presbitero vivesse in piena serenità l’intera esperienza.

 Flavio Maganuco


Autore

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna Su ↑