Attualità

Pubblicato il 21 Gennaio 2014 | di Silvio Biazzo

L’Aeroporto degli Iblei “promosso “ a scalo alternato a Fontanarossa

L’Aeroporto degli Iblei “promosso “ a scalo alternato a Fontanarossa : non più “ancilla domini” ma protagonista del futuro dell’aviazione civile di questo estremo lembo di Sicilia. L’Aeroporto degli Iblei , “lento pede” – passo dopo passo – sta ottenendo i giusti riconoscimenti. Sarà infatti lo scalo alternato a Fontanarossa: la decisione è venuta da Alitalia e AirOne.

Giustificata la soddisfazione del presidente della Soaco, Rosario Dibennardo che ha dichiarato: “Un grande risultato, innanzitutto “diplomatico”, ma che certo non mancherà di avere anche importanti risvolti pratici, è quello che ha visto oggi Alitalia e AirOne decidere che, in caso di impossibilità ad atterrare a Fontanarossa, i loro aerei punteranno su Comiso: non è semplice spiegare le norme che regolano la scelta dell’aeroporto alternato in caso di necessità, ha proseguito Dibennardo,  ma la decisione per una buona parte è data da una precisa opzione della compagnia aerea.

Ora, dopo un lungo lavoro di “relazioni pubbliche”, potremmo dire, a favore dell’aeroporto, due compagnie come quella di bandiera e la sua controllata finalmente hanno deciso che sceglieranno Comiso e non Palermo qualora, come recentemente accaduto a causa dell’emergenza cenere lavica, non potranno atterrare a Catania”.

Non siamo più la “Cenerentola” degli scali italiani

“Senza dubbio”, ha concluso il presidente Soaco, “a poco a poco siamo riusciti a dare credibilità a un aeroporto che ancora circa un anno fa alcuni credevano non sarebbe mai stato inaugurato. E invece, con pazienza e con un grande lavoro di contatti, abbiamo costruito una immagine di efficienza e affidabilità, come l’odierna scelta di Alitalia e AirOne dimostra.

Non siamo più la “Cenerentola” degli scali italiani, anche grazie, ad esempio, al fatto che la Soaco è riuscita a ottenere l’autorizzazione per la procedura di rifornimento carburante con i passeggeri a bordo. Insomma, cresciamo a vista d’occhio, non solo come traffico, ma soprattutto nella considerazione degli addetti ai lavori e della gente”.

Tags: , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR