Società

Pubblicato il 11 Febbraio 2014 | di Silvio Biazzo

Aver cura…del cuore

E’ la settimana in cui bisogna prendersi cura del…cuore, un’iniziativa recepita appieno dall’Azienda Sanitaria Provinciale del capoluogo e che è stata illustrata nel corso di una interessante conferenza stampa tenutasi nella sede direzionale dell’azienda in piazza Igea.
Anche quest’anno, sotto l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica, si celebra la manifestazione “Cardiologie aperte”: è una iniziativa promossa dall’ANMCO (Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri) giunta alla sua decima edizione, in collaborazione con la Fondazione “Per il Tuo cuore HCF ONLUS”, presieduta dal Prof. A. Maseri, che pone l’accento sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari, attraverso la sensibilizzazione dei cittadini.
L’Azienda Sanitaria, oltremodo sensibile alla problematica, ha voluto in prima “persona” partecipare alla manifestazione con un programma ricco di eventi.
Il grande significato dell’appuntamento è stato illustrato da don Giorgio Occhipinti Cappellano dell’Ospedale Civile e responsabile dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute: “Si parte giorno 11 febbraio, Giornata del Malato – ha detto – con un incontro, nella cattedrale di San Giovanni, con numerose associazioni di volontariato e i cittadini. Le associazioni rappresentano un forte legame con il territorio e sono sempre pronte a dare un forte contributo alle istituzioni”
Dense di contenuti le parole del Commissario Straordinario, Aliquò che tra l’altro ha affermato: “La Cardiologia di Ragusa sta aderendo al programma nazionale di “Cardiologie Aperte” con il progetto di campagna educazionale della rete dell’infarto. L’ASP di Ragusa, in qualità di provincia pilota del progetto regionale, è stata attivata la telecardiologia dalle 5 postazioni medicalizzate di ambulanze del 118 e da giugno a tutt’oggi sono stati inviati circa 100 tracciati in telemedicina. Sono molto fiero, anzi lo siamo tutti, perché nell’arco di un anno abbiamo portato avanti un progetto che ci riconosce un’assistenza di alto livello”.
E’ poi intervenuto il dott. Nino Nicosia, direttore dell’U.O.C. di Cardiologia dell’ospedale “M.P.AREZZO”, che ha detto: “A sistema “funzionante”, è, però, cruciale informare il cittadino della centralità del 118 nel progetto della rete dell’infarto e del fatto che il 118, allertato adeguatamente e nei tempi giusti, è oggi attrezzato per fare diagnosi in loco e trasportare il paziente per la via più idonea. E’ proprio questo lo scopo della campagna educazionale e la ragione per la quale l’Asp di Ragusa ha voluto promuovere diverse iniziative. Le scuole, sono una realtà sicuramente imprescindibile perché è necessario parlare con i giovani per educarli. Ecco perché abbiamo coinvolto anche l’U.O. di Educazione alla Salute dell’Azienda Sanitaria”.
Sono stati presenti alla conferenza stampa anche il direttore sanitario, dott. Vito Amato, il direttore Amm.vo dott. Franco Maniscalco, il dott. Enzo Trapani, responsabile dell’U.O. di “educazione alla salute” la dott.ssa Bocchieri. Anche il maestro Giuseppe Arezzo ha espresso apprezzamento per l’iniziativa del 14 febbraio: infatti dopo gli interventi dei relatori sulla tematica del cuore, ci sarà uno spettacolo di varietà col coro Pentagramma, che dopo dieci anni di assenza dalla ribalta, torna ad esibirsi all’esterno.

Tags: ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR