Appuntamenti

Pubblicato il 12 Febbraio 2014 | di Gian Piero Saladino

Ivano Fachin incontra i ragazzi del Corso Gutenberg 2.0

Su iniziativa del Corso per Animatori della Comunicazione Sociale promosso dall’Ufficio diocesano per le Comunicazioni Sociali in collaborazione con Insieme, Libera e Generazione Zero, Venerdì 14 p.v., alle ore 18.00, in Vescovado (Via Roma 109), si terrà un incontro seminariale intitolato Una telecamera per comunicare – i trucchi del mestiere“, affidato alla grande esperienza e competenza giornalistica e televisiva di  Ivano Fachin, documentarista di fama nazionale e internazionale, di origini modicane .

+ Biografia di Ivano Fachin
Siciliano di Modica, ama fin da giovanissimo il grande schermo come strumento di espressione e di liberazione. Studia a Perugia, dove si laurea in Scienze della comunicazione con lode sulla sceneggiatura di Billy Wilder “Sunset Boulevard”, e nel frattempo muove i primi passi nella settima arte, nella piccolissima ma vivace realtà del cinema indipendente della città umbra: studia alla Salon Indien Film School, collabora con allievi della scuola Immagina di Firenze, partecipa a workshop e progetti cinematografici dell’università di Perugia e si cimenta come attore teatrale e cinematografico. È da indipendente che realizza le sue prime opere, Vox Rerum, Giro di Giostra e L’Uomo Perfetto, che ottengono innumerevoli premi in Italia e all’estero e sono selezionate a centinaia di festival. Dopo la laurea, si trasferisce a New York, dove realizza Sunnyside, collabora con produzioni americane, frequenta corsi al Gotham Writers’ Workshop, all’HB studio e collabora con la New York film Academy. Nell’estate del 2010 gira Vodka Tonic, che termina nella primavera dell’anno successivo: il cortometraggio ottiene subito un grande successo vincendo, tra gli altri, il Taormina Film Festival 2011. Continua a lavorare in Italia, tornando a Modica nell’autunno 2010, sua città di origine, per realizzare Tempus, che ottiene il contributo del Ministero per i Beni Culturali e successivamente, la sua ultima opera, “Gelati e granite”.

L’iniziativa viene incontro al desiderio dei corsisti di approfondire la conoscenza delle metodologie di comunicazione attraverso l’uso della telecamera, e costituisce altresì opportunità di confronto con i giornalisti, i tecnici della comunicazione televisiva, e gli operatori culturali in genere che fossero interessati ad un confronto con uno dei più grandi professionisti del settore.

 

 

 

 

Tags: ,


Autore

Gian Piero Saladino

(1961) Responsabile della Formazione e Comunicazione di Sicindustria Ragusa e Direttore della Scuola "F. Stagno D'Alcontres" di Modica (sede di un Corso di laurea in Scienze del Servizio Sociale e di un Corso di perfezionamento per “Manager del Terzo Settore”), è anche Presidente dell’AVIS provinciale di Ragusa. Già Dirigente della Comunicazione Istituzionale del Comune di Ragusa e, per 9 anni, Direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali della Diocesi di Ragusa, ha fatto parte del Consiglio Nazionale dell'A.I.F. - Associazione Italiana Formatori ed è stato Presidente del MEIC diocesano di Ragusa. Scrive articoli e piccoli saggi di argomento sociale, politico, economico e religioso per varie testate giornalistiche locali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑