Società

Pubblicato il 21 Gennaio 2016 | di Silvio Biazzo

In vigore la legge a salvaguardia della tutela ambientale

2La si potrebbe definire “ Legge anti sporcaccioni”: quante volte assistiamo quotidianamente alla vergognosa abitudine da parte di “alcuni” cittadini di gettare in strada, sulle spiagge, nei luoghi pubblici, cicche di sigarette, gomme da masticare, fazzolettini di carta, e tanto altro ancora.

Ci si chiede: ma questa gente nella propria casa si comporta in questo modo? Supponiamo di no, qualcuno “giustifica” l’azione: ma quella è la propria casa, la strada invece e gli spazi pubblici ( giardini, luoghi aperti, etc. ) no. Quanto di più sbagliato, perché la cosa pubblica appartiene anche al cittadino e come tale va considerata una sorta di “altra casa propria”.

Nelle città i “turisti” o pseudo tali spesso fanno i propri comodi in tema di trattare gli spazi pubblici, monumenti compresi, come luoghi dove si può riversare la qualunque cosa, gente che non si sognerebbe mai di fare altrettanto nei paesi esteri da dove provengono ( un esempio tra i tanti: vi ricordate lo scempio perpetrato qualche tempo addietro ai danni della “barcaccia” di Piazza di Spagna a Roma ? ). Insomma, è giunto il momento di dire basta .
3Per questo accogliamo con piacere questa notizia : il Comando della Polizia Municipale infatti rende noto che è stata pubblicata il 18 gennaio 2016 sulla Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore il 2 febbraio 2016, la LEGGE 28 dicembre 2015 n.221 – Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali. Di particolare rilievo l’articolo 40, che sanziona l’abbandono di mozziconi e di rifiuti di piccole dimensioni nei luoghi pubblici.

La norma infatti stabilisce che “chiunque viola il divieto di cui all’articolo 232 – ter è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro trenta a euro centocinquanta. Se l’abbandono riguarda i rifiuti di prodotti da fumo di cui all’articolo 232 – bis, la sanzione amministrativa è aumentata fino al doppio”.

Alla luce dell’introduzione di tale nuova disposizione normativa gli agenti della Polizia Municipale saranno chiamati a far sì che tale disposizione venga rispettata. Ci si augura che ciò venga fatto costantemente e a tappeto.

Tags: ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna Su ↑