Società

Pubblicato il 2 Marzo 2018 | di Orazio Rizzo

Un giorno per ricordare, un’occasione per festeggiare. E’ il B.P. day !

Si è festeggiata in tutta la zona Iblea AGESCI, il Thinking Day 2018, ovvero la “Giornata del Pensiero”  in comunione con tutto il movimento scout mondiale e che quest’anno aveva come tema: “L’IMPATTO di #ungestodipace”.

Una giornata per riflette sull’impatto che il nostro impegno e le nostre azioni hanno nel mondo e sull’importante necessità, quasi un bisogno,  di diventare “costruttori di Pace”.

Un’occasione per sviluppare la buona prassi di “ azioni comunitarie”  di pace, di essere costruttori e fattori di un mondo migliore, secondo l’intuizione del fondatore Baden Powell e di farlo nella nostra quotidianità e nei nostri territori, nelle nostre famiglie come nei osti di lavoro.

Insomma, un piccolo gesto di pace può avere un impatto dirompente !

La “Giornata del Pensiero” viene celebrata in tutto l’orbe scout in ricordo del compleanno del Fondatore che cade il 22 febbraio.

Tante le iniziative in tutta la Diocesi di Ragusa, territorio coincidente con la Zona Iblea: a Vittoria, a Comiso, a Ragusa, a Comiso come a Marina di Ragusa, i ragazzi del popolo delle camice blu hanno animato le strade, le varie città, le parrocchie, i quartieri, per portare un po’ di luce – in una giornata cupa e buia come quella di domenica – ma soprattutto per portare un po’ di speranza e testimoniare che la pace è un bene di tutti, un valore da vivere e testimoniare per diventare dirompente e d’impatto.

Molti i “gesti di pace”promossi con momenti di coinvolgimento di gioia, di giochi, con canti, come nel caso del Comiso 2 che si è spostato a Santa Croce Camerina, realtà che vede rifiorire lo scoutismo dopo decenni di silenzio e oblio o come a Marina di Ragusa dove la giornata è stata celebrata all’insegna dell’integrazione multiculturale e razziale.

Il gruppo Ragusa 2 ha piantato un albero di melograno, a simboleggiare i tanti chicchi che formano un sol frutto.

A Vittoria i gruppi si sono mossi autonomamente, celebrando in maniera diversa la giornata ma uniti nello stesso spirito fraterno: il Vittoria 7 ha partecipato alla Messa presso la comunità parrocchiale del Purgatorio, animando successivamente un momento di animazione e giochi con i bambini e i ragazzi del quartiere; il Vittoria 1, ha animato la S. Messa a San Giovanni e consegnato un fiore con allegato un messaggio di pace tratto dagli scritti di Baden Powell. Il Vittoria 2 ha animato, con giochi e attività, il quartiere Santa Rita, attraversando idealmente i 5 continenti per portare a tutti un messaggio di pace e speranza.

Il Comiso 1 ha inaugurato, in questo giorno speciale, la storica sede restaurata e abbellita.

Momenti tutti vissuti nello spirito della fraternità internazionale che rende “fratello e sorella di ogni altra Guida e Scout”, come recita la legge scout.

L’IMPATTO di #ungestodipace, vale più di mille parole !

 

 

Tags: , ,


Autore

Orazio Rizzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑