Appuntamenti

Pubblicato il 19 Novembre 2018 | di Redazione

0

INSIEMEinCITTÀ, passeggiata attraverso le opere del Festiwall

Le opere realizzate in occasione dell’ultima edizione di Festiwall hanno messo in evidenza i limiti di una pianificazione della città poco attenta alle esigenze di socializzazione delle persone. Le arterie cittadine sono infatti realizzate esclusivamente in funzione del traffico veicolare e gli slarghi presenti assumono prevalentemente la funzione di parcheggio. Alcune opere postulano l’umanizzazione del contesto anche con i temi trattati.

L’associazione Insiemeincittà ha accolto con entusiasmo l’invito degli organizzatori del Festiwall, Vincenzo Cascone e Antonio Sortino, di accompagnarci anche quest’anno ad illustrare le realizzazioni degli artisti dell’edizione 2018 nel corso della prossima passeggiata dal titolo: L’arte per il recupero dell’umanità in spazi degradati.

Anche quest’anno, grazie agli organizzatori di Festiwall, nuove opere di arte pubblica sono comparse nelle strade della nostra città. L’arte urbana non ha solo una valenza estetica, ma anche etica, sociale, civile.

Con l’arte è infatti possibile conferire identità a luoghi anonimi, dignità a spazi degradati; provocare passanti frettolosi e assorti nelle proprie vicende, sollecitando riflessioni su temi e problemi collettivi; incoraggiare le persone alla sosta e magari anche alla socializzazione in luoghi pubblici pensati e realizzati solo per il transito.

L’appuntamento è fissato per le ore 10:00 di domenica 25 novembre 2018, nel parcheggio antistante l’ex Lanificio di Ragusa, in Via Feliciano Rossitto n.7, di fronte al Liceo Scientifico. Da li si proseguirà lungo il Viale Europa, fino a San Luigi, e quindi indietro, percorrendo il Viale Enzo Ferrari, la Via Generale Cadorna e la Via Pio La Torre, fino alla Via Canova.

 

Tags: ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑