Vita Cristiana

Pubblicato il 10 Dicembre 2018 | di Luca Farruggio

0

Come il mistero dell’Incarnazione turba e interroga noi cristiani

Secondo il teologo russo Vladimir Lossky, che con le sue opere ha permesso all’Occidente di conoscere l’ortodossia come verità “catholica”, l’incarnazione di Dio si presenta subito con una serie di problematiche. Infatti, per i giudei è uno scandalo che Dio, il Trascendente, abbia un umile Figlio-uomo che finisce per essere umiliato e crocifisso. E per i pagani è una follia che l’Assoluto si incarni in una persona e che l’Eternità entri nel tempo.

Gesù, con la sua vita e le sue opere, non è stato solo un segno di amore e di pace, ma è stato anche un segno di contraddizione e di divisione (cfr. Lc 2,34-35). Basti leggere i Vangeli per capire la complessità che la sua figura ha prodotto sia teologicamente, sia storicamente. E, al di là di scandali e follie, è proprio il mistero dell’incarnazione a turbare e ad interrogare gli stessi cristiani.

Infatti, il rapporto che i cristiani e i nemici dei cristiani hanno avuto col corpo non è mai stato del tutto chiaro e lineare. Da un lato il corpo è stato sempre visto come la prigione dell’anima. Dall’altro lato è stato esaltato capitalisticamente come un oggetto uguale a tutti gli altri. Perciò compito del cristiano, ancora oggi, dovrebbe essere quello di riportare il corpo al centro del dibattito culturale alla luce di una corretta teologia dell’amore. Dell’amore di Dio per l’uomo e dell’amore dell’uomo per Dio.

Secondo l’antropologia cristiana, l’uomo è stato creato a immagine e somiglianza di Dio, perciò il corpo reca i segni del divino. Secondo la tripartizione operata da San Paolo (soma, psychè e pneuma), ogni persona non è solo anima e spirito, ma è anche corpo. Una spiritualità piena non può evadere dal corpo, così come un albero non cresce senza le sue radici terrene.

A livello spirituale le cose si complicano quando l’uomo percepisce il corpo come sede delle passioni. Infatti il corpo non è del tutto “buono”, ma bisogna intraprendere una lotta spirituale per trasfigurarlo e per fare della propria vita un’opera d’arte.

A livello teologico tutto ciò viene confermato con forza. È il Verbo che si fa carne (cfr. Gv 1,14) e che entra nella storia per “raccontarci Dio” (cfr. Gv 1,18). Il disegno di Dio si compie perché Dio, facendosi uomo, riesce a salvare tutte le creature prendendosi il carico di tutti i pesi umani nella persona del Figlio.

Nel Salmo 8 si legge: “che cos’è l’essere umano che di lui ti prendi cura? Ma l’hai fatto poco meno di un dio, l’hai coronato di gloria e splendore, l’hai reso sovrano dell’opera delle tue mani, ogni cosa hai sottomesso ai suoi piedi”.

In questo modo quello che è apparso come scandalo, come follia o come una cosa del tutto impossibile, grazie al mistero dell’Incarnazione diviene realtà. Nessun cristiano dovrebbe svalutare il corpo! Per questo motivo, nel IV secolo, il Vescovo Atanasio disse: “Dio si è fatto uomo, affinché l’uomo diventasse Dio”.

Ma per non fraintendere questa frase luminosa e sorprendente, riporto un chiarimento fatto da Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica di Bose: “dunque se l’uomo anela a diventare Dio per vocazione, perché risponde alla chiamata amorosa di Dio, allora vive la logica del dono che non altera il rapporto Creatore-creatura; ma se l’uomo vuole diventare Dio seguendo un proprio progetto, se vuole farsi Dio, allora entra nel regime della preda, dell’harpagmós, del tesoro geloso”.

Tags: ,


Autore

Luca Farruggio

Luca Farruggio (Catania 1984). Dopo aver conseguito la maturità classica nel 2003 a Ragusa e aver vinto il primo Premio Nicholas Green nella stessa provincia, si è laureato in Filosofia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano nel 2007, con una tesi sull’utopia scientifica. Qui ha seguito con interesse i corsi di Massimo Cacciari, Emanuele Severino, Giovanni Reale ed Enzo Bianchi. Nel 2006 ha esordito nel mondo della poesia con BUGIE ESTATICHE (prefazione di Manlio Sgalambro e postfazione di Enzo Bianchi) e nel mondo della narrativa con LA SCOMPARSA DI COLMAPOTRA. Nel 2010 ha pubblicato una raccolta di poesie, GESU’ AL BAR, vincendo la Targa Antonio Corsaro del Premio Natale Città di Tremestieri Etneo. Nel 2011 è uscita la raccolta A CUORE PURO, in cui l’autore mostra la sua vicinanza al monachesimo di Bose. Sempre nel 2011 consegue la laurea specialistica in Filosofia della Storia al San Raffaele di Milano con una tesi sulla teologia bizantina. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo saggio: L'ESICASMO E LA DIFESA DI GREGORIO PALAMAS. Nel 2016 è uscita la sua quarta silloge poetica: DELLA LUCE NON CONOSCO IL MISTERO-LA VITA DEL POETA. Dal 2015, come pubblicista, collabora con il giornale INSIEME-RAGUSA e dal 2018 con Operaincerta e diversi blog. Nel 2016 ha conseguito il Master di II livello in Didattica della Lingua Italiana presso l'Università Tor Vergata Roma. Nel 2017 è uscito DEL PESSIMISMO TEOLOGICO, un dialogo tra un teologo, un filosofo e un poeta, e nel 2018 ha pubblicato L'ULTIMA PAROLA (prefazione di Domenico Ciardi), la sua nuova raccolta di poesie.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑