Locale

Pubblicato il 1 Marzo 2019 | di Redazione

0

Il Consultorio di Ispirazione Cristiana di Ragusa al servizio del territorio

Mercoledì 13 febbraio 2019, si è costituito, nella sede di Via G. Cartia 13 di Ragusa, il 15° Consiglio Direttivo del Consultorio Familiare di Ispirazione Cristiana di Ragusa. Sono stati nominati presidente la Prof.ssa Agata Pisana, vice presidente la Signora Emma Occhipinti, segretaria la Dott.ssa Maria Pina Cascone, tesoriere il Prof. Angelo Battaglia, consiglieri le Signore Maria D’Angelo e Giovanna Chessari, Direttore il Prof. Emanuele Mannile, Direttore Emerito Don Romolo Taddei. Lo scorso novembre il Consultorio di Ragusa ha festeggiato il suo 40° anniversario ed ha, nello stesso tempo, riaffermato la necessità di proseguire con nuovo entusiasmo nel servizio offerto in questi lunghi anni alla città e al territorio ibleo. La sua storia si svolge all’interno del solco dei consultori di ispirazione cristiana. Nel luglio del 1975 la legge quadro 405 istituisce i Consultori familiari pubblici, ma già un mese prima l’Assemblea dei Vescovi italiani esorta le Diocesi affinchè “sorgano consultori familiari professionalmente validi e di sicura ispirazione cattolica”. L’11 aprile del 1978, presso lo studio del notaio Ottaviano viene registrato l’atto costitutivo del Consultorio di Ragusa. Tra i soci fondatori Don Romolo Taddei, Padre Giovanni Salonia e il Prof. Gaetano Lo Monaco. Nel 1979 Mons. Angelo Rizzo inaugura i locali del Consultorio e nomina Direttore Don Romolo Taddei e Condirettore Padre Giovanni Salonia. In Tutti questi anni il Consultorio di Ragusa ha rivolto ogni sua attenzione alla famiglia, alla coppia, e ad ogni persona con lo scopo di supportarne e accompagnarne il non sempre facile percorso di maturazione e di crescita. Gli operatori volontari che hanno messo a disposizione il loro tempo e le loro competenze, hanno fatto ogni sforzo per imparare ad ascoltare e a sostenere ogni persona che hanno incontrato con lo scopo di aiutarla a comprendere il proprio problema e a trovare il modo di gestirlo e risolverlo ricorrendo il più possibile alle proprie risorse. Numerosi sono stati e sono gli operatori volontari impegnati nell’attività di consulenza e sostegno a chi si rivolge al consultorio; varie sono le competenze in loro possesso ma complementari e quindi in grado di rafforzare la qualità di ogni intervento. Tra di loro è presente lo psicoterapeuta, il ginecologo, lo psichiatra, il pedagogista, il legale, l’assistente sociale, il consulente morale, il pediatra, il counsellor, l’insegnante dei metodi naturali. Un momento importante dell’attività del Consultorio è quello della supervisione mensile in equipe che consiste nel discutere insieme i casi più problematici con lo scopo di utilizzare al meglio le competenze degli operatori che in questo modo si confrontano, si arricchiscono professionalmente e concorrono alla soluzione del caso.

Ma il Consultorio non opera solo a fianco di coloro che chiedono un aiuto di tipo psicologico, medico, legale, sociale, relazionale. A tal proposito non è un caso che all’interno del Consultorio operano anche i volontari del C.A.V. (Centro Aiuto alla Vita), che si prendono cura delle donne che hanno scoperto di portare avanti una gravidanza inattesa tra mille difficoltà di ordine economico, sociale, esistenziale e devono affrontare una scelta che avrà pesanti riflessi per tutta la vita. Il Consultorio ha sempre programmato e ancora adesso programma corsi di formazione per fidanzati, giovani, partorienti, genitori, studenti; e non solo all’interno delle proprie mura. Spesso tali corsi si sono svolti presso parrocchie, scuole, associazioni. Non di rado inoltre ha promosso e promuove, in collaborazione con associazioni ecclesiali, con organismi istituzionali o del volontariato, convegni e conferenze su tematiche di forte attualità relativamente alla famiglia, alla coppia, ai giovani. Ma oggi il Consultorio vuole e deve andare oltre. È consapevole che la famiglia affronta una fase di trasformazione profonda, che il contesto socio-culturale della società contemporanea è in rapido cambiamento, che le difficoltà economiche ne condizionano gli equilibri, che i giovani devono affrontare un futuro sempre più problematico che genera spesso in loro un profondo senso di smarrimento. In questi momenti è vitale stare insieme, tenersi per mano, scalare in cordata. Perciò, dice Don Edoardo Algeri, Presidente della Confederazione Nazionale dei Consultori familiari di Ispirazione Cristiana, il Consultorio vuole essere “prossimo”, vuole essere “buon samaritano” che fascia le ferite di chi è stato lasciato ai margini della strada e se ne prende cura accompagnandolo nell’albergo della fraternità. Sostiene ancora don Algeri che “l’obiettivo oggi è sostenere nell’educazione le famiglie alle prese con genitori sempre più vecchi, lavori precari, pochi bambini, adolescenze infinite, coppie instabili, modelli familiari diversi e multiculturali”. Per questo motivo oggi diventa particolarmente importante fare rete, proporsi come Consultorio in uscita, intensificando la collaborazione con il territorio (scuole, parrocchie, enti, associazioni), ma soprattutto trovando il modo di collaborare meglio e di più con la quotidianità delle famiglie, ascoltando e interagendo con i genitori impegnati non solo a mantenere salda, armoniosa, feconda la relazione di coppia ma ad affrontare il compito sempre più impegnativo dell’educazione dei figli. Affinchè questi propositi possano concretizzarsi, l’auspicio è che il Consultorio sia sempre pronto a servire e che la comunità nella quale opera sia sempre disponibile a sostenerlo.

Prof. Angelo Battaglia

Tags: , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑