Attualità

Pubblicato il 28 Maggio 2019 | di Silvio Biazzo

0

Al via la festa del Santo Cavaliere

Lo scenario, come sempre, è quello impareggiabile dello storico quartiere barocco di Ibla, una festa tra tradizione e novità. Cinque corpi bandistici si sono dati appuntamento sulle scale del Duomo, e tutte ad eseguire la marcia militare “The King”, resa celebre dalla fiction “Il commissario Montalbano”. Un colpo d’occhio spettacolare che ha catturato l’attenzione, e non poteva essere altrimenti, dei turisti e dei visitatori presenti. Riuscitissimo il raduno bandistico “Ibla in musica” proposto da Anbima Sicilia che ha aperto il programma delle celebrazioni promosse in occasione dei festeggiamenti in onore di San Giorgio martire, glorioso patrono di Ragusa. Erano cinque le bande che hanno sfilato partendo dal Giardino Ibleo, transitando per piazza Pola, dove c’è stata un’altra esibizione, prima di arrivare sulle scalinate del Duomo. La folta squadra musicale era formata dai padroni di casa dell’associazione musicale San Giorgio 1892 Città di Ragusa, dall’associazione musicale Vincenzo Bellini di Barrafranca, dalla banda musicale Gorgia di Lentini, dall’associazione musicale Luigi Pescetti Città di Mineo e dall’associazione musicale Nino Merlino di Caronia. Sempre da Caronia, paese del Messinese, è arrivato poi il gruppo di majorette Kalactine che hanno aperto la sfilata e che, quando i cinque corpi bandistici si sono sistemati per le esecuzioni finali lungo le scalinate del Duomo, hanno intrattenuto il pubblico con le loro evoluzioni nello spiazzale antistante, proprio nella parte superiore della piazza. E’ stato un momento piacevole di intrattenimento grazie a cui tutti i presenti hanno potuto ascoltare alcuni dei brani più celebri per banda in uno scenario monumentale unico. Inoltre, il comitato dei festeggiamenti ha rilanciato un’altra tradizione che, negli ultimi anni, era stata abbandonata: infatti, in piazza Duomo, dinanzi a numerose persone, è stata riproposta la cena di San Giorgio, vale a dire la vendita all’incanto di tutti i prodotti messi a disposizione dalle aziende dell’intera area iblea che hanno voluto così omaggiare con i loro doni il glorioso patrono. “Un’esperienza riuscita – spiegano dal comitato dei festeggiamenti – che, naturalmente, speriamo di rilanciare ulteriormente nelle prossime edizioni. Intanto, ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato alla cena e contribuito all’asta. Ci siamo sistemati in piazza dinanzi al Duomo e questo aspetto ha reso ogni momento dell’iniziativa davvero suggestivo”. Inoltre, nella ex chiesa di Sant’Antonino, è stata allestita la pesca di beneficenza e della mostra “I santini nella devozione popolare”. Il programma liturgico dei festeggiamenti culmineranno con le tre processioni di fine settimana.

Tags: , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑