Cultura

Pubblicato il 3 Settembre 2019 | di Redazione

0

Una nuova “agorà” da costruire insieme

Si è svolto nei giorni scorsi, presso villa Penna a Scicli, un workshop di auto-costruzione organizzato dallo Studio Cubo Project di Scicli all’interno del Festival MAST 2019.

“L’idea progettuale – spiegano gli architetti Giuseppe Magro e Luca MIliardi con il designer Francesco Garofalo – nasce dalla reinterpretazione dell’agorà greca, la piazza destinata a mercato e luogo atto ad accogliere le assemblee cittadine. Lo spazio che si viene a creare offre a chiunque occasioni di incontro, interazione e ristoro in un luogo tranquillo ed ombreggiato dal verde degli alberi. L’installazione si compone di sedute realizzate con pallet lignei ricoperti da cuscini formati da sacchi di juta riempiti con paglia, al fine di realizzare sedute comode e perfettamente integrate con l’intorno naturale”.
La realizzazione è stata coordinata dagli Architetti e dal Designer di CuboProject ed ha visto il coinvolgimento attivo di alcuni ragazzi dei centri Siproimi (ex Sprar) della Fondazione San Giovanni Battista di Ragusa, dando vita ad una collaborazione svolta all’insegna dell’inclusione sociale.
“Siamo convinti – sottolinea Renato Meli, presidente della Fondazione – che oggi ogni momento sia quello adatto a formare una nuova coscienza sociale, un’opinione capace di scavalcare i luoghi comuni che alimentano diffidenza e paura. Riteniamo che sia parte fondante del nostro lavoro sostenere queste iniziative e aprirci a collaborazioni che arricchiscano il nostro territorio”.
Grande entusiasmo hanno manifestato Ibrahim, Ismael Mohamadou, Kebba e Annique, diverse nazionalità, diverse storie ma un comune destino di viaggio e ricerca di un futuro possibile anche grazie ai progetti Siproimi.
I protagonisti dell’iniziativa, alla luce dell’ottimo riscontro ricevuto, si augurano di poter proseguire con ulteriori progetti all’insegna dell’inclusione sociale.

Tags: , , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑