Vita Cristiana

Pubblicato il 17 Giugno 2020 | di Silvio Biazzo

Ha preso il via la festa del Sacro Cuore

La festa del Sacro Cuore di Gesù a Ragusa anche quest’anno ha preso il via nella parrocchia omonima (ex Gesuiti).
Una festa come tutte le altre in questo periodo segnata dal post lockdown, con le restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria per evitare il contagio dal Covid-19. Tra gli appuntamenti più significativi, la parrocchia ha già ospitato la celebrazione eucaristica presieduta da don Paolo La Terra con la partecipazione di tutti gli studenti coinvolti nello svolgimento degli esami di maturità. “Un appuntamento – spiega il parroco, don Marco Diara, con il vice don Vincenzo Guastella – che abbiamo ritenuto opportuno ospitare nella nostra chiesa per sostenere e assistere spiritualmente chi si prepara ad affrontare un momento così particolare della propria vita, reso ancora più particolare dall’emergenza che stiamo affrontando”. Le celebrazioni in onore del Sacro Cuore di Gesù proseguono anche mercoledì 17 giugno, infatti, dopo la celebrazione eucaristica delle 7,25, ci sarà, alle 18,15, la preghiera del Rosario e la coroncina al Sacro Cuore di Gesù. Alle 19, invece, la celebrazione eucaristica sarà presieduta da don Fabio Stracquadaini, assistente diocesano dell’Acr e animata dall’Azione cattolica parrocchiale. Giovedì, inoltre, alle 7,25 la celebrazione eucaristica e alle 17 la santa messa che sarà presieduta dal parroco, don Marco Diara, con la partecipazione di tutti i ragazzi dell’Acr. Alle 18,15 la preghiera del Rosario e la coroncina al Sacro Cuore di Gesù. Alle 19, la celebrazione eucaristica presieduta da don Giuseppe Burrafato, vicario foraneo di Ragusa, e animata dai gruppi Liturgia e Caritas.

Nei giorni che hanno preceduto la festa, non si è fermata l’azione di solidarietà dei vari componenti della comunità parrocchiale che, dopo avere realizzato a mano delle mascherine, le hanno donate all’Anffas onlus di Ragusa, consegnandole nelle mani delle operatrici. “Un gesto che è stato molto apprezzato – chiarisce don Diara – e che ci ha consentito di comprendere come, anche da queste piccole cose, si riesce a stimolare in positivo il cuore delle persone. Il donare, in questo caso delle mascherine di cui tutti avvertono la necessità in questo periodo, diventa un modo per predisporci in maniera positiva nei confronti dell’altro”.

Tags: , , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR