Vita Cristiana

Pubblicato il 26 Maggio 2014 | di Silvio Biazzo

Don Floridia: “seguiamo l’esempio del santo cavaliere”

Il messaggio lanciato dal parroco del Duomo di Ibla, don Pietro Floridia, aprendo i solenni festeggiamenti in onore del glorioso patrono di Ragusa, San Giorgio, è stato oltremodo significativo : “La lotta di San Giorgio, che voleva contribuire a cambiare l’impero romano schiavista e corrotto, non è stata la lotta di un solitario. Ma di un cristiano che sa di essere componente di un organismo, la Chiesa, la cui forza, inerme ma invincibile, le viene misteriosamente dallo Spirito di Dio. Da solo, con le sue forze, San Giorgio non avrebbe fatto un bel niente”.
I festeggiamenti proseguiranno per tutta la settimana sino a domenica 1 giugno. “Anche noi, cristiani del 2014 – ha aggiunto don Floridia durante la celebrazione eucaristica di domenica mattina – sull’esempio del glorioso cavaliere di Cristo, lottiamo e rifiutiamo le effimere e seducenti attrazioni degli idoli distruttivi e corruttivi del mondo che la cultura contemporanea esalta e adora. Con la forza vivificatrice della Croce di Cristo, possiamo e dobbiamo vincere ogni potenza di male per risplendere in ogni campo dell’esistere con la forza dello Spirito del Signore risorto, guida della storia e signore del tempo, dello spazio e dell’eternità”. L’apertura dei festeggiamenti è stata salutata dal festoso suono delle campane del Duomo che ha inondato la città rendendo l’atmosfera più gioiosa. Tra le iniziative di apertura la tradizionale pesca di beneficenza che, come sempre, si tiene nell’ex chiesa di Sant’Antonino. La collaborazione della comunità dei fedeli, in questo caso, risulta essere fondamentale come testimonia la presenza di alcuni componenti del comitato dei festeggiamenti i quali, con la loro disponibilità, assicurano che l’iniziativa possa tenersi regolarmente. Nel corso della settimana previsti vari turni anche perché sono numerosi, soprattutto nel week-end, come già accaduto oggi, i turisti in visita e sarebbe davvero un peccato non riuscire a garantire nel modo migliore l’acquisizione dei risultati di una iniziativa che, tra l’altro, punta su specifiche finalità solidali in particolare a sostegno dei bisognosi. La pesca di beneficenza è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 20 alle 23, mentre sabato 31 maggio e domenica 1 giugno gli orari di apertura saranno: la mattina dalle 10 alle 13 e il pomeriggio dalle 17 alle 23. Sempre nell’ex chiesa di Sant’Antonino sono esposti i lavori realizzati dagli studenti dell’istituto comprensivo Giovanni Pascoli, nei tre plessi Ecce Homo, Ibla e San Giacomo, che hanno dato vita a varie personali raffigurazioni legate al santo cavaliere. Tra gli appuntamenti in programma il pellegrinaggio al cimitero di Ragusa Ibla. E poi martedì nel pomeriggio la consueta festa di chiusura dell’anno catechistico ed a conclusione la santa messa al Duomo.


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR