Blog

Pubblicato il 9 Dicembre 2014 | di Silvio Biazzo

0

Ad Ibla Classica sul palco due superbe donne diverse ma unite dall’arte

ibla classica 2Tre eventi in un solo entusiasmante spettacolo, è il mix che è stato offerto da Ibla Classica International , la stagione concertistica d’eccellenza curata dal maestro Giovanni Cultrera ed organizzata dall’A.Gi.Mus. provinciale guidata da Marisa Dinatale.

Prima donna la sorprendente Francesca Scaini accompagnata al piano dal bravissimo Ruben Micieli e sul palco le opere della più che nota pittrice Ausilia Miceli: a queste si è ispirata il soprano nel presentare all’attento pubblico celeberrime romanze tratte da altrettante celebri opere, filo conduttore la donna.

E così abbiamo ascoltato incantati brani di Puccini, da Madama Butterfly a Boheme, da Suor Angelica a Tosca, da Liù a Turandot : uno spettacolo straordinario che ha visto protagonista la Francesca Scaini. In collaborazione con il direttore artistico Giovanni Cultrera, la Scaini ha ideato uno spettacolo molto particolare che ha sposato un connubio perfetto tra grande lirica, arte scenica, costumi e pittura. Innovativa l’esposizione: ognuna delle romanze è stata preceduta da una sorta di preludio recitato su testi della stessa Scaini ( che si è dimostrata valente attrice ) che predisponeva lo spettatore a gustare con maggiore coinvolgimento il vissuto del personaggio. Da parte sua la pittrice Ausilia Miceli si è ispirata alle note di Puccini realizzando originali opere pittoriche dedicate a ciascuno dei personaggi portati in scena dalla Scaini.

Un parto felice che ha fatto “nascere”dal pennello della Miceli i dipinti dal titolo “Ignominia”, “Estasi”, “Madonna”, “Recondita armonia”, “L’Amante”, “Buio scarlatto”. Ciascuna opera ha interagito con ciascuno dei sei personaggi portati in scena sapientemente dal bravissimo soprano che ha indossato, di volta in volta, bellissimi costumi tratti da una collezione privata giunta appositamente da Siracusa ( sul palco ha poi trovato posto una folta rappresentanza della città aretusea ).

Un nuovo successo scandito da ripetute standing ovation a seguito anche della compiacenza della Scaini che omaggiato il pubblico di ben quattro bis: naturalmente il Teatro Donnafugata ancora una volta ha fatto registrare il tutto esaurito in ogni ordine di posti. E’ da dire che i quadri della Miceli fanno parte della mostra “Respiro d’arte”, ricca di opere inedite, che resterà allestita nei foyer fino a giugno prossimo. La Scaini , che si è portata dal Teatro La Fenice al Teatro Donnafugata, ha messo in campo le sue straordinarie doti canore strabiliando il pubblico: e con il maestro Cultrera e l’Agimus si preannunciano nuove collaborazioni. Il soprano si è innamorata di Ragusa Ibla e del suo barocco e si sta già lavorando ad un suo ritorno e ad un master di tre giorni che comprende sia la tecnica del canto che la comprensione del messaggio musicale ed emotivo del brano proposto dall’artista.

“Il maestro Cultrera mi ha invitata offrendomi la possibilità di creare uno spettacolo nuovo – ci ha detto la Scaini – e in occasione del 90esimo anniversario dalla morte di Puccini, ho pensato di far interagire il canto lirico con l’arte della pittrice Ausilia Miceli che conosco molto bene. Abbiamo scelto le opere attorno a cui costruire lo spettacolo facendo mixare i vari personaggi delle opere pucciniane con le opere pittoriche stesse, esaltando quel sentimento vivo che la Miceli riesce ad imprimere con i suoi magici pennelli . Ho scritto personalmente i testi esaltando le figure femminili che rappresentano anche l’eterno femminino, rimasto attuale da Penelope ai giorni nostri: un lavoro di scavo introspettivo, psicologico e in parte anche autobiografico che con piacere ho voluto condividere con il meraviglioso pubblico di Ibla”.

La serata è stata aperta dalla esibizione di Manuela Infalletta, giovane talento ibleo che ha mietuto anche lei il consenso del pubblico. E’ stato poi molto piacevole conversare con gli artisti appena dopo lo spettacolo durante il consueto “Dopoteatro” curato da “Angelo Vini e Affini” di Ibla. Il prossimo spettacolo di Ibla Classica International è in programma domenica 21 dicembre alle ore 18 con Agatino Scuderi alla chitarra e Ruben Micieli al pianoforte per lo spettacolo dal titolo “Evocation – dalla Spagna al Sud America”.

Tags: , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑