Società

Pubblicato il 24 Dicembre 2015 | di Luca Farruggio

” Bottega dei saperi ”: a Ragusa, nuovo punto di incontro tra campagna e città

Si è tenuta ieri, 23 Dicembre, l’inaugurazione della Bottega dei saperi, spazio di incontro ed espositivo affidato dalla Diocesi di Ragusa ai partecipanti al progetto “Costruiamo saperi “, e generosamente aperto a tutti.

La nuova Bottega ha dischiuso le sue porte alle ore 17.30, in Corso Vittorio Veneto 158-160 a Ragusa, e, come ha precisato Domenico Leggio, Direttore della Caritas di Ragusa, “la Bottega vuole essere un luogo di incontro immaginario e reale tra la campagna e la città”.

I partecipanti al progetto avranno, infatti, la possibilità di esporre e far conoscere i prodotti artigianali e agricoli che scaturiranno dal lavoro svolto sui terreni di Contrada Magnì, altro luogo fondamentale affidato al progetto dalla Diocesi di Ragusa, per dar vita a una esperienza di formazione lavoro che coinvolge già 25 cittadini stranieri presenti nel territorio di Ragusa.

All’incontro, oltre ai partecipanti al progetto e a tanti cittadini ragusani, erano presenti anche i rappresentanti delle Associazioni partner del progetto “Costruiamo saperi”, finanziato da Fondazione CON il Sud: Elisa Gulino di Architetti senza frontiere Onlus, Fethia Bouhajeb di Uniti senza frontiere e Giovanni Gulino di Confcooperative Sicilia.

Elisa Gulino ha espresso il suo entusiasmo per l’iniziativa e ha sottolineato l’importanza dell’incontro, nelle due sale di Corso Vittorio Veneto, tra diverse culture e tradizioni.

Fethia Bouhajeb, ha illustrato le finalità del progetto adoperando anche la lingua araba, e poi ha ricordato un evento ecumenico di grande significato: quest’anno il Natale cristiano coincide con la commemorazione della nascita del profeta Muhammad (Maometto). “L’evento – ha detto – non accadeva da quattro secoli, e senza voler annullare le differenze storiche e religiose, ci fa guardare con maggiore speranza alla convivenza fra culture e fedi differenti”.

Erano presenti anche Gian Piero Saladino, Direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Ragusa, e Pippo Leggio, esponente del Rotary di Ragusa.

Gian Piero Saladino ha sottolineato il valore interculturale e di condivisione civica, economica e spirituale dell’intero progetto, auspicando che gli spazi aperti, per volontà del Vescovo Urso e con la benedizione del Vescovo Cuttitta, nella Villa Magnì e in Corso Vittorio Veneto siano conosciuti presto da tutti, ragusani e nuovi cittadini, e da tutti visitati e frequentati all’insegna della gioia, della solidarietà e dell’amicizia fattiva.

Infine, sono stati ricordati 5 appuntamenti che si terranno nelle prossime settimane presso la nuova Bottega, e ai quali tutti sono invitati a partecipare.

Il primo, Domenica prossima 27 dicembre, dalle 18.30 alle 21.00, sarà la “Serata del Couscous” di Tunisia, Turchia e Marocco, e sarà una opportunità di scambio culturale e gastronomico nel quale, chi parteciperà, potrà portare in dono un libro (di qualsiasi genere e di qualsiasi lingua), che resterà a disposizione in Bottega per rendere più accoglienti gli ambienti comuni.

Tags: , ,


Autore

Luca Farruggio

(Catania 1984). Filosofo e poeta, si è laureato al San Raffaele di Milano nel 2011. È allievo di Massimo Cacciari ed Enzo Bianchi. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Bugie estatiche (Il Filo 2006, prefazione di Manlio Sgalambro) e Del pessimismo teologico (Il Prato 2017, prefazione di Giuseppe Girgenti). Si guadagna da vivere insegnando in Veneto e ogni tanto, come pubblicista, dice la sua dove gli capita.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR