Cultura

Pubblicato il 10 Giugno 2016 | di Veronica Falcone

Appuntamenti con l’Archeologia del nostro territorio

Un complesso termale molto vasto, trasformato poi in basilica è venuto alla luce in contrada Sevaggio-Cisternazzi, alle porte di Ragusa: l’occasione è stata utile anche per presentare i risultati di altre ricerche e degli scavi eseguiti in questi ultimi anni sul territorio ibleo.

I primi studi su questo importante ritrovamento sono stati illustrati nel corso degli incontri “Dall’Ippari all’Irminio; ricerche e scavi nell’area occidentale del territorio ibleo nell’ultimo quinquennio”, tenuto nella saletta dell’ex cinema Ideal. Gli archeologi Francesco Cardinale e Lorenzo Zurla hanno presentato, con ricchezza di dettaglio e professionalità, la recente scoperta archeologica.

In collaborazione con la Soprintendenza dei Beni Culturali di Ragusa è infatti stato possibile mettere in luce una piccola parte di un complesso termale sicuramente molto vasto, trasformato poi in basilica con il suo complesso cimiteriale o sicuramente in un edificio religioso molto articolato. La scoperta è stata veramente fortuita, in quanto l’opportunità è nata dagli scavi condotti per la rete del metano.

I lavori per il metanodotto sono stati fermati e la ditta in questione ha finanziato parte delle opere di ricerca con la collaborazione e supervisione della Soprintendenza. L’egregio lavoro svolto dai professionisti ha portato alla luce parte di questo importante complesso architettonico che abbraccia un arco temporale molto esteso di circa otto o nove secoli di storia antica.

L’augurio lanciato dai professionisti, naturalmente, è quello di poter avere la possibilità di continuare la ricerca del complesso architettonico per cercar d’inserire così un altro tassello importante all’interno del quadro cronologico e culturale della storia del nostro territorio.

L’occasione è stata utile anche per presentare i risultati di altre ricerche e degli scavi eseguiti in questi ultimi anni sul territorio ibleo.

L’archeologo Giovanni Di Stefano ha presentato le ricerche eseguite dal Museo regionale di Camarina in questi ultimi cinque anni. Il lavoro è stato eseguito su precedenti collezioni già esposte al Museo di Camarina, perfezionando così la ricerca sulle collezioni di statuette teatrali, sulle collezioni epigrafiche, su alcuni sigilli mercantili di età bizantina, su reperti provenienti dalla villa romana di Ortomosaico  e da contrada Pirrera.

L’archeologo Saverio Scerra ha invece esposto la scoperta, anche qui fortuita, della necropoli di contrada Serra Carcara, presso l’aeroporto di Comiso, attraverso un intervento d’indagine preventiva per la realizzazione di una rotatoria. Infatti nell’aprile del 2012 è stata ritrovata una prima tomba a fossa con copertura a lastroni che all’interno presentava un ricco corredo funerario. Da lì a poco l’indagine archeologica ha messo in luce altre tombe a fossa con copertura a lastroni  e tombe a fossa semplici. La ricerca, ha affermato Scerra, si spera possa riprendere a breve perché dallo studio dei materiali è evidente l’importanza non indifferente del sito.

Questo ciclo di incontri è organizzato dall’Assessorato e dal Dipartimento regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, e dalla Soprintendenza dei Beni Cultuali di Ragusa. All’appuntamento inaugurale sono intervenuti il sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, e il Soprintendente dei Beni culturali di Ragusa, Calogero Rizzuto.

Tags: ,


Autore

Veronica Falcone

Veronica Falcone, nata a Ragusa il 04/05/1986, dottore in Archeologia Classica con laurea magistrale conseguita presso l’ Università degli di Catania. Iscritta regolarmente all’Albo dei Restauratori indetto dal MiBACT Ministero dei Beni e le Attività Culturali e del Turismo; ha svolto attività archeologiche in Italia e all’estero per campagne di scavo archeologico internazionali; collaboratrice esterna presso la Soprintendenza di Ragusa, Siracusa e Catania. Ha svolto e continua a svolgere attività di giornalismo presso diverse testate giornalistiche locali e non. Attualmente svolge servizio di collaborazione giornalistica presso Radio Karis. Le sue passioni sono l'amore per l’Arte e la letteratura. Predilige un giornalismo d’inchiesta ed attento alle problematiche del territorio. Ha a cuore la fruizione e valorizzazione del nostro patrimonio culturale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR