Blog

Pubblicato il 31 Ottobre 2016 | di Silvio Biazzo

Metropolitana di superficie… un altro sogno?

Abbiamo letto che un deputato alla Regione Sicilia ha avuto modo di chiedere a che punto è l’iter che riguarda il Piano Regionale dei Trasporti e se questo prevederà o meno la metropolitana di superficie nel nostro capoluogo. Una bella idea che si porta avanti da decenni (come la “fantomatica”, fino ad oggi, autostrada Ragusa-Catania), tutti progetti certamente interessanti ma che a nostro avviso rischiano di non vedere mai (o quasi) l’alba di un nuovo giorno.

2Sull’argomento il su citato onorevole ha detto che “ considerato che il Governo nazionale, tramite il premier Renzi, ha già manifestato l’intenzione di investire su queste forme di mobilità facendo specifica menzione dell’infrastruttura che si dovrà ( noi useremmo il condizionale…cioè dovrebbe ) realizzare a Ragusa, è importante che il Piano Regionale dei Trasporti preveda al suo interno anche la metropolitana di superficie ragusana. Al di là della disponibilità del direttore Mancarella, il dr. Bellomo ha spiegato che al Piano, il cui iter procede senza intoppi, è stata presentata un’osservazione che prevede l’infrastruttura. Bellomo, quindi, mi ha tranquillizzato sul fatto che l’Assessorato competente darà parere favorevole all’osservazione stessa, inserendo nel documento per la mobilità regionale la metropolitana che collegherà la periferia del capoluogo ibleo al suo quartiere barocco”.
Si parla quindi di infrastrutture, di vie di comunicazione, di trasporti viari, ci si chiede, ma non si potrebbero indirizzare gli sforzi di tutti “gli uomini di buona volontà” nel predisporre ed attuare un imagesprogetto di viabilità alternativa all’attuale statale 115 nel tratto Ragusa-Comiso-Vittoria? È ben nota la pericolosità di questa strada attraversata quotidianamente da migliaia di veicoli, parecchi camion, ma la gran parte coinvolge tantissimi cittadini “pendolari” che soprattutto per motivi di lavoro fanno la spola tra il capoluogo e le tre cittadine iblee. Se la memoria non ci inganna ci sembra che parecchi anni fa si iniziò a parlare di tale “variante”, una realizzazione veramente importante ed utilissima, poi tutto è caduto nell’oblio. Invece di spendere idee, programmi, proclami etc. in opere come la predetta “metropolitana” , perché non ci si concentrerebbe su come far realizzare un collegamento moderno e sicuro tra le tre località sopra menzionate.
4A nostro avviso per Ragusa – anche per valorizzare un certo tipo di turismo – non è assolutamente necessaria questa infrastruttura, per raggiungere il quartiere barocco si devono predisporre validi percorsi alternativi da attraversare a piedi immersi tra le verdi vallate che la munifica natura ha donato “gratis” alla città, percorsi salutistici con habitat incomparabili. Per gli amanti dell’auto poi si dovrebbero realizzare idonei parcheggi – come già fatto per Ragusa superiore – capaci di sopperire agli attuali enormi disagi che si registrano specie nei fine settimana o durante le manifestazioni che si tengono periodicamente nel quartiere barocco.

Tags:


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR