Vita Cristiana

Pubblicato il 29 Dicembre 2016 | di Redazione

Il più bel presepe vivente della Sicilia a Monterosso Almo

Prestigioso riconoscimento per il presepe vivente di Monterosso Almo che è stato insignito del riconoscimento di migliore rappresentazione vivente per l’anno 2015-16.

A consegnare il premio all’associazione “Amici del presepe” è stato il professore Vincenzo Piccione presidente dell’associazione culturale regionale Amici del presepe delle Madonie e di Sicilia.

Il presepe vivente giunto alla sua 32. edizione è conosciuto in tutta la Sicilia e i tantissimi visitatori negli anni ne hanno apprezzato la filologica ricostruzione degli ambienti, con i mestieri e le scene collocate nella suggestiva cornice del quartiere medievale della Matrice tra i cui vicoli si snoda il percorso della rappresentazione che culmina nella grotta naturale dove è ambientata la natività.

Un premio che ha come motivazione «la speciale ambientazione in luoghi della memoria con costumi e scenografie della gente iblea, tale da rappresentare un magnifico affresco della vita contadina di Sicilia. Costruito nel rigoroso rispetto delle più autentiche tradizioni di vita, di lavoro e di fede del popolo ibleo-monterossano».

Il riconoscimento è stato accolto con grande gioia a Monterosso. «Un percorso intrapreso tanti anni fa – ha ricordato il sindaco Paolo Buscema – di cui va dato atto all’associazione “Amici del presepe” e che si integra con l’appartenenza di Monterosso al circuito dei borghi più belli d’Italia».

Anche l’associazione “Amici del presepe” è entusiasta. «Un premio che ci gratifica dei tanti sacrifici fatti in questi anni – ha precisato il presidente Paolo Tavano – ed il cui merito va ai tanti che hanno collaborato per la buona riuscita della manifestazione ed ai quali va il mio personale ringraziamento».

Per quanti vorranno visitare il presepe vivente le date della rappresentazione sono 26 dicembre, 1,6,7,8 gennaio 2017.

Angelo Schembari

Tags: , , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR