Società

Pubblicato il 11 maggio 2018 | di Redazione

0

Rino Farruggio in concerto per don Pino Puglisi, anteprima nazionale alla Badia

Sacerdote della Diocesi di Ragusa, don Rino Farruggio è un musicista e autore capace di non costringere in un genere la sua opera musicale, ma piuttosto a pensarla tra la Chiesa e la strada.

Nei suoi testi adopera senza pregiudizi e inibizioni sia il linguaggio della quotidianità che quello della poetica mistica. Paroliere (e musicista) davvero raffinato, per la liturgia ha dato, come lui ama precisare, il suo apporto “da cantautore”. La sua musica e la sua testimonianza di vita e di fede lo hanno portato ad esibirsi in Polonia, Brasile, Estonia, Russia e ovviamente in Italia.

L’ultimo capitolo della sua ricca produzione artistica tocca una figura di prima grandezza. Il vescovo di Ragusa, Carmelo Cuttitta, ha curato un testo di presentazione per questo lavoro.

“Padre Pino Puglisi, (3P) come preferiva essere chiamato, con la sua profezia ha prodotto dopo il suo martirio scintille di paternità generativa.

La parola generativa può essere avvicinata a termini come genialità e generosità: Come dispiegare le nostre verle alla fantasia dello Spirito? Quali sono i nuovi valori e le metodologie innovative che possono aiutarci nel nostro compito di trasmettere il Vangelo e la presenza di Cristo?

Il presbitero Pino Puglisi è stato prima di tutto un uomo che ha accolto la proposta del discepolato, ha vissuto la gioia dell’annuncio: la sua forza comunicativa e la sua passione generativa non sono un optional, ma fanno parte integrante della chiamata alla gioia. Pino Puglisi è stato un prete capace di generatività”.

Il concerto, ad ingresso libero, è promosso dalla Diocesi di Ragusa in collaborazione con la Fondazione San Giovanni Battista ed il sostegno della Banca agricola popolare di Ragusa.

Tags: ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑