Vita Cristiana

Pubblicato il 8 Aprile 2019 | di Redazione

0

Settimana Santa del malato

Anche quest’anno l’Ufficio per la Pastorale della Salute attraverso i Riti della Settimana Santa, vuole diffondere lo spirito più autentico della solidarietà con la speranza che la sofferenza non abbia l’ultima parola, cedendo il passo alla tenerezza, alla prossimità e al sollievo.

I Riti si svolgeranno in diversi momenti, presso le strutture ospedaliere di Ragusa: C.S.R, R.S.A, la Cappella dell’Ospedale Giovanni Paolo II, l’Ospedale Civile in collaborazione con l’Avo, il C.S.R di Ragusa, l’Istituto Gestalt Theraphy Hcc Kairos, Alba Chiara, Radio Karis e il Cenrto Diurno Alzheimer.

Ancora oggi, come Gesù, molti nostri fratelli e sorelle sono inchiodati ad un letto di dolore, negli ospedali, nelle case di riposo, nelle nostre famiglie. Solo se troviamo, accanto a noi, qualcuno che ci ascolta, ci sta vicino, si siede sul nostro letto, allora la malattia può diventare una grande scuola di sapienza, incontro con Dio. Quando qualcuno prende su di sé le nostre infermità, per amore, anche la notte del dolore si apre alla Luce Pasquale di Cristo Crocifisso e Risorto.

Nella vita, nella malattia, nel dolore “l’importante è non sentirsi abbandonati e soli”. La misura dell’umanità si determina essenzialmente nel rapporto con la sofferenza e col sofferente. Una sensibilità oggi più che mai sopita dalla fretta e da una certa ineducazione, talvolta da impreparazione e paura, a confrontarsi in modo maturo, empatico, solidale e propositivo con la sofferenza e con il dolore.

Tags: , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑