Vita Cristiana

Pubblicato il 13 Aprile 2019 | di Redazione

0

Che festa a Monterosso Almo. Riaperta al culto la chiesa madre

Dopo diciassette lunghi anni, la chiesa madre di Monterosso Almo è stata riaperta al culto.

Giovedì 11, monsignor Carmelo Cuttitta ha presieduto la solenne celebrazione dopo la recita del Santo Rosario e la tradizionale settina in onore dell’Addolorata.

A concelebrare, il parroco don Peppino Antoci e alcuni presbiteri della diocesi. Tra questi il monterossano don Salvatore Giaquinta oltre a don Salvatore Vaccaro, don Marco Diara, don Salvatore Puglisi e don Giuseppe Burrafato che, negli anni passati, hanno svolto il loro servizio sacerdotale a Monterosso in qualità di arcipreti, parroci e viceparroco.

Commozione ed entusiasmo dominavano tra i fedeli che, numerosi, hanno partecipato alla funzione religiosa.

Presenti anche il sindaco Salvatore Pagano e alcuni membri dell’amministrazione.

«La pazienza – ha ricordato il vescovo durante la celebrazione – è la virtù dei forti», facendo memoria degli anni di lavoro che sono stati impiegati per la riapertura della Chiesa Madre, dichiarata, tra l’altro, monumento nazionale.

Ci vorrà, però, ancora pazienza perché questo tempio possa splendere del tutto. Ancora piccoli lavori sono necessari per completare il restauro della Chiesa, dopo la messa in sicurezza operata in questi anni.

«L’importante è che è stata riaperta» ha esclamato a gran voce un monterossano che, tra nostalgia e speranza, lì ha celebrato tutti i sacramenti e spera di celebrare pure quelli dei figli. «Qui mi sento a casa», ha concluso, con commozione.

Alessia Giaquinta

Tags: ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑