Cultura

Pubblicato il 16 Aprile 2019 | di Luca Farruggio

0

“Anthoi”, i fiori poetici del Bene di Roberta Conte

Anthoi è il titolo della nuova raccolta di versi della giovane ragusana Roberta Conte. Il libro è stato pubblicato da Schegge Riunite e si apre con una sapiente e dotta prefazione di Gianni Battista Cauchi.

Il titolo, che significa “raccolta di fiori”, per gli appassionati di poesia non può che ricordare il grande Charles Baudelaire. Ma quelli di Roberta Conte non sono fiori del male, bensì fiori del Bene.

Non a caso, leggendo le poesie dell’autrice, mi sono ricordato che nel Salmo 72, parlando del Re Messia, l’autore dice: “da prima del sole Germoglio è il suo Nome”. Per questo, dietro ogni verso di Roberta Conte, si intravede la voglia di raccontare la propria terra, di sopportarne le contraddizioni e di far emergere tutto il bello che spesso gli occhi stanchi non riescono più a vedere. L’autrice ci invita a guardare sempre oltre le effimere apparenze perché, come ha detto sapientemente Eraclito, “la natura ama nascondersi”.

Sono tutte poesie delicate, profonde, oniriche e intense che navigano tra le vie di Sicilia, dei suoi sogni, dei suoi profumi, dei suoi abitanti e delle sue sere. Roberta Conte si sforza di cercare una luce duratura che vinca per sempre il buio: “Cantami un canto che rompa il buio / e scuota il silenzio di questa sera”. Sono versi-fiori di primavera, che non a caso è la stagione in cui, secondo Dante, Dio creò il mondo. Roberta Conte, allo stesso modo, crea stati d’animo, li dipinge in maniera astratta e concreta, osserva i sentimenti umani e sparge bellezza con parole semplici e sublimi.

Leggendo il libro, essendo anche io un poeta, mi sono ritrovato molto nella poesia Amico: “Amico hai un quaderno in cui scrivi / parole gustose di speranze, sogni, / parole amare di sconfitte, perdite.” […] “Conosco del tuo cuore tutto quello / che non vedi nel tuo volto. / Nel riflesso di uno specchio / hai letto anche di me”.

Proprio così, perché c’è qualcosa che unisce tutti i poeti: la Grazia. Milan Kundera, infatti, ha scritto: “poeta non è chi scrive versi ma chi – ricordiamoci di questa parola – è eletto a scriverli, e solo un poeta può riconoscere con certezza in un altro poeta questo contatto della grazia”.

Ma questo mazzo di fiori è donato a tutti, non solo ai poeti, supera ogni solipsismo e merita di essere letto e accolto sempre in una feconda relazione umana, perché “D’un sogno io e te siamo i soli custodi” e “la sola vera forza / è quella che si coltiva / in due”.

Tags: ,


Autore

Luca Farruggio

Luca Farruggio (Catania 1984). Dopo aver conseguito la maturità classica nel 2003 a Ragusa e aver vinto il primo Premio Nicholas Green nella stessa provincia, si è laureato in Filosofia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano nel 2007, con una tesi sull’utopia scientifica. Qui ha seguito con interesse i corsi di Massimo Cacciari, Emanuele Severino, Giovanni Reale ed Enzo Bianchi. Nel 2006 ha esordito nel mondo della poesia con BUGIE ESTATICHE (prefazione di Manlio Sgalambro e postfazione di Enzo Bianchi) e nel mondo della narrativa con LA SCOMPARSA DI COLMAPOTRA. Nel 2010 ha pubblicato una raccolta di poesie, GESU’ AL BAR, vincendo la Targa Antonio Corsaro del Premio Natale Città di Tremestieri Etneo. Nel 2011 è uscita la raccolta A CUORE PURO, in cui l’autore mostra la sua vicinanza al monachesimo di Bose. Sempre nel 2011 consegue la laurea specialistica in Filosofia della Storia al San Raffaele di Milano con una tesi sulla teologia bizantina. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo saggio: L'ESICASMO E LA DIFESA DI GREGORIO PALAMAS. Nel 2016 è uscita la sua quarta silloge poetica: DELLA LUCE NON CONOSCO IL MISTERO-LA VITA DEL POETA. Dal 2015, come pubblicista, collabora con il giornale INSIEME-RAGUSA e dal 2018 con Operaincerta e diversi blog. Nel 2016 ha conseguito il Master di II livello in Didattica della Lingua Italiana presso l'Università Tor Vergata Roma. Nel 2017 è uscito DEL PESSIMISMO TEOLOGICO, un dialogo tra un teologo, un filosofo e un poeta, e nel 2018 ha pubblicato L'ULTIMA PAROLA (prefazione di Domenico Ciardi), la sua quinta raccolta di poesie.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑