Cultura

Pubblicato il 29 Aprile 2019 | di Redazione

0

Percorsi di musica sacra: quarto concerto a Chiaramonte

Con il quarto prestigioso concerto per organo e coro, sabato 4 maggio, alle 21, prosegue l’affascinate percorso concertistico all’interno della rassegna “Cultura per la Vita”, organizzato dall’Ufficio per la Cultura della Diocesi di Ragusa.

Nella basilica di “S. Maria La Nova” (Chiesa Madre) a Chiaramonte Gulfi, all’organo suonerà il Maestro Diego Cannizzaro, affiancato dal Coro “Polifonico Ibleo” di Chiaramonte Gulfi, diretto dal Maestro Nello Cavallo. Il concerto sarà un perfetto alternatim: il coro si occuperà di brani polifonici italiani e francesi (Caccini, Gounod, Franck), l’organo settecentesco di Donato del Piano eseguirà le parti del Proprio di una Messa settecentesca di anonimo pistoiese.

I “Percorsi di musica sacra” sono stati pensati per riproporre in forma concertistica le varie forme musicali che sono state attuate nella storia della liturgia cristiana europea. In continuità con quanto proposto lo scorso anno, l’organo rappresenterà il fulcro di tale riproposizione, ma l’offerta musicale si è arricchita quest’anno dalla presenza del Coro Polifonico Ibleo diretto dal M° Nello Cavallo e dal coro “Enarmonia” diretto dal M° Salvatore Scannavino. Il dialogo tra organo e coro affonda al lontano medioevo e, nel corso dei secoli, si è sempre più intensificato ed articolato fino a giungere ai nostri giorni con una fortissima sinergia, ancora ampiamente da approfondire e sviluppare secondo le linee offerte dal Vaticano II nella costituzione Sacrosanctum Concilium.

L’organista Diego Cannizzaro suonerà e commenterà brani significativi dell’epoca segnata dall’origine storica dell’organo specifico. Sarà di volta in volta affiancato da una delle due corali, per concludere il percorso con la presenza di entrambe.

L’ingresso è libero e aperto a tutti. Il prossimo e ultimo appuntamento venerdì 31 maggio presso la Basilica di “S. Maria delle Stelle” a Comiso.

Tags: , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑