Vita Cristiana

Pubblicato il 16 Maggio 2019 | di Redazione

0

I nostri seminaristi: Francesco Barone «Così il Signore mi ha dato coraggio»

Ciao a tutti, sono Francesco Barone, ho vent’anni, sono seminarista della Diocesi di Ragusa al primo anno di formazione. Studio a Palermo presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia e provengo dalla parrocchia San Giovanni Battista di Santa Croce Camerina.

Data la mia età, all’inizio del cammino vi confesso di avere avuto un po’ di paura. Pensavo di essere troppo piccolo, di non essere tagliato per queste cose, invece il Signore, nella semplicità e fragilità dei miei vent’anni, mi ha dato il coraggio e la forza di mettermi in discussione, di chiedermi e chiederGli cosa volesse da me. Grazie alla testimonianza di vita e al sostegno spirituale di un giovane sacerdote, ho iniziato a scrutare e mettere ordine dentro di me, chiedendo al parroco di poter iniziare gli incontri di discernimento vocazionale organizzati dal Centro diocesano vocazioni a Ragusa. Da quel momento in poi, fidandomi del sapiente disegno di Dio e della volontà della Chiesa, è iniziato il mio cammino di discernimento vocazionale che ho poi affidato alle mani della chiesa durante l’anno propedeutico, e che ora continua in seminario.

Durante il cammino mi sono potuto misurare con me stesso, con le mie forze, mettendomi davanti alle mie fragilità per poterle comprendere, affrontare e superare. Nella mia parrocchia ho fatto parte del gruppo giovanissimi di Azione cattolica e sono stato per due anni responsabile del gruppo ministranti. Da questa esperienza fatta con i bambini, ho appreso l’arte del sorriso e della spensieratezza. Ho compreso attraverso di loro il versetto di Matteo “se non diventerete come bambini non entrerete nel regno dei cieli” detto da Gesù ai discepoli, il quale ha detto e dice alla mia vita, che il Signore non vuole essere cercato nelle grandi azioni, o in chissà quale posto, ma nel concreto, nella piccola semplicità di ogni giorno. Vi consegno un versetto del salmo 70, “Dal grembo di mia madre sei tu il mio sostegno”, che mi ha accompagnato e mi accompagna nel mio cammino di discernimento, ricordandomi che la prima chiamata di Dio è quella alla vita, e che la prima cosa che ci è chiesta dal Signore è quella di farci custodi e non padroni della vita altrui.

Vi chiedo di pregare per me, per i miei compagni di cammino e per i nostri formatori, perché possiamo ogni giorno imparare da Cristo l’arte della custodia vicendevole ed essere vigili nel discernere la volontà di Dio. Ringrazio quanti mi sostengono e pregano per me e per tutti noi.
Vi abbraccio di cuore.

Francesco Barone

Tags: , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑