Attualità

Pubblicato il 9 Settembre 2019 | di Redazione

0

I Media della C.E.I. Insieme per passione

IV edizione della “Festa di Avvenire”, che quest’anno diventa la Festa dei Media della Chiesa italiana. Dal 12 al 15 settembre a Monreale, Terrasini e Cinisi.

Un avvenimento a carattere nazionale che, giunto alla sua quarta edizione, di evolve, diventando la Festa di Avvenire, TV2000, inBlu Radio e AgenSIR, ovvero i media di riferimento della Conferenza Episcopale Italiana. Promosso dall’Arcidiocesi di Monreale, l’evento è organizzato dall’Ufficio diocesano per le Comunicazioni Sociali dalla Associazione culturale “Così, per… passione!” di Terrasini, in sinergia con l’Ufficio delle Comunicazioni della Conferenza Episcopale Italiana e le direzioni e le redazioni del quotidiano Avvenire, dell’emittente nazionale TV2000, della Radio cattolica InBlu e dell’AgenSIR, il tutto patrocinato dal Comune di Terrasini.

«Una novità non da poco» – come ha dichiarato don Ivan Maffeis, direttore nazionale dell’Ufficio per le Comunicazioni sociali della CEI – «segno eloquente di come il territorio dell’Arcidiocesi di Monreale offra un proprio, efficace, contributo a livello nazionale per una interazione sempre maggiore fra le quattro testate dei media della Chiesa Italiana». Si tratta di un evento culturale che prende le mosse dalle provocazioni delle parabole evangeliche per essere declinato in tre fondamentali ambiti della vita di ogni giorno: l’arte, la giustizia e la società per confrontarsi su come la comunicazione sia sempre feconda e, come le parabole di Gesù, sproni sempre a una riflessione “altra”.

Le parabole sono centrali nella comunicazione del messaggio evangelico, e, come spiega Michele Pennisi, arcivescovo di Monrelae, «per Gesù, grande maestro della comunicazione, il parlare figurato attraverso esempi tratti dalla vita di ogni giorno è una mediazione costitutiva del suo annuncio liberante, che ha come destinatari la gente comune. Alcune parabole per essere comprese nel loro intimo significato hanno bisogno di una spiegazione, che Gesù riserva ai discepoli.»

Le quattro giornate avranno quindi un filo conduttore, tra momenti di confronto, di spiritualità, di informazione e di cultura: quello delle parabole e della comunicazione, attraverso l’arte (12 settembre), la giustizia (13 settembre), la società (14 settembre) e la comunicazione (15 settembre).

Numerosi e autorevoli ospiti si alterneranno in incontri-conversazioni, soffermandosi sulle parabole evangeliche, ognuna con il proprio tema, la propria fisionomia e individualità. Ad affiancare l’arcivescovo Pennisi ci saranno mons. José Tolentino Calaça de Mendonça, archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa; mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale e vicepresidente Cei; mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone e delegato Cei cultura e comunicazioni sociali. Ad essi si uniranno rappresentanti dell’arte e delle istituzioni, figure impegnate nel sociale, il vice-direttore dell’Ucs Vincenzo Corrado e naturalmente i direttori delle testate Cei: Marco Tarquinio (Avvenire); Vincenzo Morgante (TV2000 e inBlu Radio); Amerigo Vecchiarelli (AgenSIR).

Tags: , , , , , , , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑