Vita Cristiana

Pubblicato il 28 Settembre 2019 | di Alessandro Bongiorno

0

Le spoglie del venerabile monsignor Jacono a Caltanissetta

Dopo 63 anni, le spoglie del venerabile monsignor Giovanni Jacono lasciano la cattedrale di Ragusa. Saranno traslate nella cattedrale di Caltanissetta nella cui Diocesi è stato a lungo pastore attento e illuminato. «Sebbene lontano fisicamente, continuerà – ha detto il vescovo monsignor Cuttitta nel corso di una concelebrazione – a essere vicino alla Chiesa che lo ha generato e dove è spirato, sia con la presenza di una insigne reliquia, sia nel mistero della comunione dei santi». Nel corso dell’omelia, monsignor Cuttitta ha messo in risalto la figura di monsignor Jacono, definendolo «figlio di questa terra e figlio prediletto della Chiesa ragusana». La traslazione dei resti mortali a Caltanissetta non significherà però, secondo monsignor Cuttitta, «lontananza» dalla Chiesa ragusana, «nella consapevolezza che la preghiera del venerabile vescovo, al di là del tempo e dello spazio, sarà fonte preziosa di intercessione per le chiese locali di Ragusa e Caltanissetta». Due Diocesi che, ora in modo ancora più forte e solenne, camminano «insieme nella storia verso il compimento del Regno di Dio».

Alla cerimonia hanno partecipato anche i nipoti e i pronipoti di monsignor Jacono che, al termine, si sono brevemente intrattenuti con il vescovo.

Con la traslazione della salma di monsignor Jacono, si rafforza il particolare legame che unisce le Chiese di Ragusa e Caltanissetta e che ha proprio nel ministero episcopale una delle sue sintesi più alte e più felici. Una storia e un cammino illuminati proprio dalla figura e dalla grande fede di monsignor Jacono.

Tags: , , , ,


Autore

Alessandro Bongiorno

Giornalista, redattore della Gazzetta del Sud e condirettore di Insieme. Già presidente del gruppo Fuci di Ragusa, è laureato in Scienze politiche.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑