Vita Cristiana

Pubblicato il 16 Aprile 2021 | di Redazione

Il 16 aprile 1879, all’età di 35 anni, Bernadette Soubirous conclude la sua vita terrena

Il 16 aprile 1879, all’età di 35 anni, Bernadette Soubirous conclude la sua vita terrena.

Sono trascorsi poco più di 21 anni da quando la Madonna è apparsa a lei nella grotta di Massabielle.

Beata nel 1925, Papa Pio XI la proclama santa l’8 dicembre dell’anno 1933.

Scrivere di Santa Bernadette non è complicato perché di lei si può raccontare senza sosta, dai primi sei anni vissuti felici nel mulino di Boly fino alla sua morte tra gli affanni dell’asma cronica che gli impediva di stare a letto, costringendola a rimanere semidistesa su una poltrona dell’infermeria del convento di San-Gildard casa madre della Congregazione delle suore della Carità di Never.

In sintesi, Bernadette è stata la dimostrazione pratica che vivere nella Grazia di Dio significa vivere nella vera felicità che è la pace della coscienza.

Ma bisogna volerlo questo stato, accettando e sperando di essere chiamati per poter rispondere: eccomi!

Bernadette, nonostante la sua condizione sociale e di salute precaria ha accettato l’invito della Signora, di recarsi alla grotta per 15 giorni di seguito; ha pronunciato il suo primo eccomi.

Attenzione però, perché non sono il pregio delle apparizioni che l’hanno resa amica di Dio fino alla santificazione, è stata la sua capacità di accettare i drammi della sua vita nella costante compagnia di Gesù.

E’ stata fedele all’impegno del comando della Madonna di pregare per i peccatori, perché pregare per gli altri è il primo modo di amarli, in quanto la preghiera è anche riconciliazione.

Durante la sua vita monastica Bernadette ha sempre vissuto per l’altro, colui che è amato dal Signore; un esempio di santità piena di obbedienza e di amore per il Cristo che non ha mai tenuto lontano dalla sua vita; quanti esempi di sofferenza fisica sopportata con amore verso Cristo!

E’ la coroncina del rosario con il Crocefisso che Bernadette tira fuori dalla tasca, quasi arma di difesa, dalla imprevista prima apparizione e che stringe fortemente al petto esalando l’ultimo respiro, prima di salire in Cielo per raggiungere la sua amata Madre.

Santa Bernadette Soubirous, dolce santa della porta accanto, ti preghiamo di intercedere per noi, perché nella nostra testimonianza possiamo essere destinatari della Misericordia di Gesù.

Riccardo Roccella

 


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑