Vita Cristiana

Pubblicato il 6 Settembre 2021 | di Angelo Schembari

Monterosso: presentazione progetto di ristrutturazione dei locali pastorali

È stato presentato dall’Architetto Giovannella Garofalo e dall’Ingegnere Giuseppe Bucchieri il progetto di ristrutturazione riguardante i locali pastorali della chiesa di S. Giovanni Battista di Monterosso Almo.

L’immobile dista circa 200 mt. dalla chiesa di S. Giovanni Battista, dall’omonima piazza e dal centro storico di Monterosso Almo.

Si trova all’interno di un terreno di proprietà della parrocchia ed ha accesso dalla via Mercato, una delle principali arterie di accesso alla piazza.

La costruzione risale ai primi anni ’50 per opera e per volontà di don Giuseppe Flaccavento che fu il primo parroco della parrocchia di S. Giovanni Battista.

Inizialmente venne adibita ad asilo parrocchiale e ad attività di catechismo, successivamente a teatro, sala riunioni e incontri parrocchiali. Negli anni ’60, il parroco don Vito Gatto, successo a don Giuseppe Flaccavento, lo adibì anche a cinema.

Nel tempo, l’attenzione e la cura per questi locali è andata via via scemando tanto che non risulta sia stato mai effettuato alcun intervento di manutenzione ordinaria o straordinaria, di ristrutturazione, né di adeguamento alle varie normative che si sono succedute. L’incuria e il completo abbandono hanno portato a un notevole degrado della struttura, fino all’inagibilità,  ma cosa più importante hanno privato la parrocchia di importanti locali, indispensabili per lo svolgimento delle attività pastorali.

Allo stato attuale, l’opera si presenta notevolmente danneggiata ed inagibile.

L’intervento prevede la demolizione parziale mantenendo inalterata sia la struttura perimetrale intonaci di tufo squadrati che la volumetria esistente.

Si procederà alla realizzazione di una struttura in cemento armato, con travi in fondazione e in elevazione, completa di solaio e con pilastri adiacenti alle murature perimetrali esistenti (da agganciarsi alla nuova struttura). Verranno realizzati impianti tecnologici sottotraccia, quali impianto idrico, fognario, elettrico, termico e fotovoltaico.

Al termine dei lavori nell’immobile saranno presenti un ingresso, un salone, due disimpegni, un corridoio, tre sale catechismo, un locale tecnico, un ripostiglio e quattro bagni di cui uno per disabili.

Soddisfazione è stata espressa dall’arciprete Don Giuseppe Antoci che ha creduto fortemente nel progetto ed ha ribadito l’importanza dei fondi dell’otto per mille di cui le chiese di Monterosso Almo hanno usufruito in questi anni per importanti interventi di restauro. A ciò si aggiunge l’importanza di avere nuovi locali funzionali alle varie attività pastorali della Parrocchia.


Autore

Angelo Schembari

Nato a Ragusa nel 1972. Laurea in Lettere Classiche, Docente di Lettere, collaboratore di insieme dal 1989. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche, della carta stampata quotidiana e periodica, online e televisive. Studioso di Storia locale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑