Attualità Enzo Spadaro

Pubblicato il 3 Maggio 2022 | di Redazione

Enzo, anima del centro storico

Lo scorso 19 febbraio ci ha lasciato Enzo Spadaro, una delle anime di un centro storico che attorno alla sua fioreria di via Sant’Anna ha vissuto quei momenti che possono trasformare un quartiere in una comunità. La sua assenza non pesa solo sulla moglie Maria e le figlie Valentina e Alessandra, che hanno avuto il privilegio di essergli accanto per l’intera vita, ma su tutto il quartiere che ha perso un punto di riferimento e per quanti hanno apprezzato il suo impegno civile, sociale e politico spesso svolto lontano dai riflettori.

Lo storico negozio di fiori e piante di Via Sant’Anna 110 a Ragusa, che seguendo il passo con i tempi è diventato di fatto una Flower Boutique, è diventato punto di riferimento e centro di incontri culturali e sociali, che tanto bene ed ossigeno hanno dato al territorio. È stato vicino a chi più aveva bisogno, consegnando beni di prima necessità (ma anche uova e colombe pasquali per dare a tutti la possibilità di gustare il senso della festa); ha donato un presepe a una scuola elementare in risposta alla polemica mossa sulla presenza dei simboli religiosi in luoghi pubblici (per lui il rispetto delle idee e delle tradizioni altrui sono sempre stati fondamentali, ma altrettanto sono stati importanti la libertà di esprimere liberamente il proprio pensiero, senza con questo omettere o rinunciare al suo essere cattolico); ha attivato la macchina degli aiuti subito dopo il terremoto che ha colpito Amatrice;  ha donato mascherine, guanti e disinfettanti di ogni genere nel pieno della pandemia Covid19, a chi nelle fasi iniziali era a rischio e totalmente sprovvisto di dispositivi di protezione; si è speso, in tempi non sospetti e lontano dalle luci dei riflettori, per l’accoglienza e l’integrazione di tanti albanesi e kossovari dei quali è diventato amico.

Nella sua professione di fioraio è sempre stato un professionista serio ed onesto, un uomo che non solo ha creato con le sue mani, il suo tocco ed il suo talento, autentici capolavori ed opere d’arte, venendo incontro anche a chi non aveva la possibilità di pagare o di pagare subito. Amava ricordare che “un giorno senza sorriso è un giorno perso”.

Enzo è stato punto di riferimento politico per tanti che nella nostra città e nella nostra provincia hanno svolto ruoli pubblici conclamati, mettendo a disposizione di idee e progetti lavoro, passione, impegno e disponibilità.

Tantissime le persone che lo hanno salutato in cattedrale e tante anche quelle hanno atteso il passaggio del corteo funebre davanti al suo negozio. Un congedo che è stato il suo ultimo “Truonu Viva!” al suo santo protettore.

Tags: , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR