Vita Cristiana

Pubblicato il 31 Marzo 2013 | di Andrea G.G. Parasiliti

La sua semplicità come un’enciclica

La semplicità di Papa Francesco è sconvolgente. E sconvolge perché il suo insegnamento ci arriva dritto al cuore con immediatezza. Il suo stesso comportamento è un’enciclica che non ha bisogno di parole, di traduzioni in lingue diverse. Basta vederlo, bastano i suoi gesti che ci colgono impreparati. Papa Francesco ringrazia i media, i giornalisti, perché grazie al loro lavoro piazza San Pietro contiene tutto il mondo e lui è in tutto il mondo. E grazie alla televisione, a internet è possibile vederlo fuori dalla Chiesa alla fine della santa messa mentre saluta ad uno ad uno i suoi fedeli. Da prete dei poveri che dimostra di non averli dimenticati. Certo, è pensando ai poveri di mezzi che ha pensato al suo nome Francesco. Ma è anche pensando alla povertà dell’uomo contemporaneo, che non ama più il creato, la terra, la natura, sempre più presuntuoso e arrogante, sempre più distratto nei confronti di chi ha bisogno che il Santo Padre ha pensato a Francesco d’Assisi. Amore, misericordia e rispetto dell’altro e del creato. Il tutto con la gioia di chi regala un sorriso e augura “Buon giorno” o un “Buon pranzo” o addirittura “Buon riposo”… Il Papa che prega in silenzio per non disturbare i non credenti, il Papa che appena eletto per prima cosa chiede ai fedeli di pregare per lui… E come facevamo a rifiutare una tale richiesta? Ci siamo ritrovati a pregare per lui davanti alla televisione. Mi trovavo qualche giorno fa all’aeroporto di Milano solo e carico di bagagli. Ad un tratto un signore mi chiede se per favore avevo qualche monetina per lui. Gliela do. Riprendo i miei bagagli e faccio per andarmene. Di colpo vedo quello stesso signore venirmi incontro e mi dice “Signore, posso aiutarla a portare i bagagli?” Si era accorto che ero troppo carico e in difficoltà. Andammo assieme. Era contento e sembrava un bambino. Difficilmente un uomo troppo preso di sé avrebbe fatto lo stesso. E forse è dai poveri che bisogna imparare ed è da loro che bisogna ripartire.

 

Tags: , , ,


Autore

Andrea G.G. Parasiliti

(Ragusa, 1988). Laureato in Filologia Moderna all'Università Cattolica di Milano è dottorando di ricerca all’Università degli Studi di Catania. Collaboratore del Centro di Ricerca Europeo Libro Editoria Biblioteca della Cattolica di Milano (CRELEB) è autore di "Dalla parte del lettore: Diceria dell'untore fra esegesi e ebook", Baglieri 2012; "La Totalità della Parola: origini e prospettive culturali del libro digitale", Baglieri 2014; Ha tradotto per il CRELEB le "Nuove Osservazioni sulle Attività Scrittorie del Vicino Oriente Antico" di Scott B. Noegel (Milano, 2014). Ha pubblicato un racconto dal titolo "Odisseo", all'interno della silloge su letteratura e disabilità "La mia storia ti appartiene" Edizioni progetto cultura (Roma 2014). Giornalista pubblicista, collabora con Torquemada (Milano), Emergenze (Perugia), Operaincerta (Modica), e con "Insieme" dal gennaio del 2010.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR